Demetrio Stratos. Suonare la voce

13 giugno 2014


Difficile che il documentario dedicato a un musicista si discosti dal consueto copione. Quello che mette in luce da un lato la parabola artistica, dall’altro la sua esperienza di vita. Il carattere dell’uomo, i piccoli e grandi segreti, il rapporto più intimo con la condizione della celebrità. Difficile ma non impossibile trovare un’ulteriore chiave di lettura. Se oggetto dell’indagine è una tra le figure più eclettiche che la musica leggera italiana abbia mai conosciuto.

Non è stato semplicemente un cantante, Demetrio Stratos, scomparso a New York 35 anni fa oggi. Ma un autentico atleta della musica, capace di spingere la propria vocalità verso estremità per chiunque altro impensabili. È dunque La voce Stratos ad essere protagonista del racconto firmato da Luciano D’Onofrio e Monica Affatato, pazienti nel rintracciare materiali d’archivio inediti, rigorosi in una ricerca che si avvale della collaborazione di foniatri e otorini di fama internazionale. Invitati a spiegare dal punto di vista scientifico la straordinaria unicità di un’esperienza artistica sconvolgente.

Il tutto in un contesto, quello degli Anni Settanta, evocato in modo puntuale e appassionato. Perfetta la ricostruzione del panorama storico e sociale, fedele la restituzione di ciò che Stratos e i suoi Area rappresentano per un periodo in cui la musica è prima valvola di sfogo per una generazione in crisi. Sono gli anni delle contestazioni, delle occupazioni, della partecipazione attiva dell’intellettuale alla vita del Paese. Un impegno, quest’ultimo, a cui Stratos non si sottrae. Anzi.

A ricordare la portata della sua figura sono, naturalmente, i suoi compagni di avventura. Paolo Tofani, Ares Tavolazzi e Patrizio Fariselli, protagonisti dell’avventura degli Area; ma anche Patrick Djivas, che partecipa alle prime uscite della band salvo accasarsi, di lì a poco, con la PFM di Franz Di Cioccio. E poi musicisti del calibro di Mauro Pagani e Diamanda Galas, fino ad arrivare a raffinati filosofi come l’artista Nanni Balestrini.

La curiosità – Di chi sono i brani degli Area? Ufficialmente… non degli Area! Poiché il gruppo non è iscritto alla SIAE i pezzi contenuti nel celebre album d’esordio Arbeit Macht Frei  sono depositati a nome Farinelli. Non si tratta di Patrizio, tastierista del gruppo, ma di suo padre Terzo, titolare di un’orchestra di liscio.


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close