Derek Jarman, mister Super8

19 novembre 2014


Esagerato, controcorrente, irriverente; allergico ai conformismi e votato alla sperimentazione più avanguardista: maestro di un cinema che diventa scatola magica dove frullare colti riferimenti filosofici e visioni schiettamente pop, provando a raccontare con squisita originalità tutte le feroci contraddizioni della contemporaneità. La sfuggente e magnetica figura di Derek Jarman è al centro di una nuova serata all’insegna di RaroArte.

Nuova preziosissima lezione di cinema quella che ci regala Gianni Canova, tra i più importanti critici italiani, nell’introdurre alcuni tra i più importanti lavori del compianto regista inglese, scomparso nemmeno cinquantenne nel 1994. Una personalità fortissima quella di Jarman, uno stile unico il suo: che emerge nella collezione di cortometraggi che propone Sky Arte, gemme dimenticate che valgono come intense dichiarazioni di poetica.

È stato paragonato per innovatività del linguaggio a Pier Paolo Pasolini, per follia visuale alla stagione surrealista di Buñuel: Jarman è però, inconfutabilmente, Jarman. Troppo peculiare il suo percorso creativo per poter essere imbrigliato negli schemi degli –ismi  e per poter essere ingabbiato nella rete degli apparentamenti; troppo libera la sua concezione del cinema, medium a cui arriva dopo essersi espresso come pittore, scenografo e scrittore, trovando qui – nella casa della settima arte – la sua collocazione più congeniale.

Canova ci guida nell’immaginario di un artista vero, totale. Spiegandoci come l’insistito ricorso al Super8, a tecniche di ripresa tanto lo-fi da suonare quasi amatoriali, siano matura e con sapevole scelta narrativa: quanto più l’immagine è grezza, sporca, selvaggia tanto allora si rivela immediata, genuina, autentica. In una parola: reale. È così cinema-verità quello di Jarman, ma di una dolorosa verità intima e privata.

Commenta con noi la serata sui social media seguendo l’hashtag #RaroArte

La curiosità
– Un pioniere del videoclip: Derek Jarman è considerato figura determinante per fissare i canoni del genere, sperimentando questo linguaggio espressivo fin dai suoi esordi. Memorabili i suoi lavori a fianco di Smiths e Pet Shop Boys.


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close