La grande musica può cambiare la vita

6 aprile 2015


A tutti succede di assistere a un concerto che in qualche modo segna poi le nostre vite, cambiandole per sempre. Il concerto che Bruce Springsteen tenne a Cambridge – Massachusetts – nel 1974, però, ha avuto un’influenza in senso inverso: ha cambiato il corso della carriera di chi suonava. E, questo, grazie a uno degli spettatori presenti.
Di questo incontro fatidico non potevamo raccontare che all’interno di Destini Incrociati Hotel, l’originale programma di Sky Arte HD “specializzato” appunto in accoppiate artistiche che hanno fatto storia.

In quell’anno, John Landau faceva il critico musicale e Bruce Springsteen era ai suoi esordi. Entrambi avevano in comune qualcosa: l’insoddisfazione per la scena artistica del periodo. Da una parte, Landau era stanco della musica psichedelica e rimpiangeva i giorni in cui ascoltava Otis Redding a ciclo continuo. Dall’altra, la musica di Bruce continuava a passare largamente inosservata agli occhi della critica di settore, impedendogli di conquistare il successo.

La performance di Springsteen colpirà invece profondamente Landau, al punto da spingerlo a “vedere il futuro del rock’n’roll, il cui nome sarà Bruce Springsteeen”. Durante quel concerto, il critico del Rolling Stone ha la sensazione di ascoltare la musica per la prima volta in vita sua. Ricambierà l’immenso regalo che gli ha fatto – inconsapevolmente – il rocker, portandolo alla ribalta internazionale.

La curiosità – John Landau aveva i suoi gusti personali, che l’hanno reso tanto lungimirante nei confronti del Boss… quanto poco sensibile alla musica di Jimi Hendrix. Nel primo numero di Rolling Stones, infatti, la recensione di Landau dell’album Are You Experienced non è delle più positive scritte a riguardo!


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close