Dietro le quinte. La magia del camerino

5 Marzo 2014


Lo specchio bordato dell’immancabile cornice di lampadine, immagine iconica eternata in mille e più celebri film. L’atmosfera unica, intima e privata, di un piccolo nido; luogo dove raccogliere le energie e stemperare la tensione, lasciando dietro una porta chiusa i timori e le frenesie. Facendo quadrato con se stessi, riorganizzando le idee e i pensieri; caricandosi a molla, pronti a scattare nel momento in cui la voce del direttore di scena chiama il buio in sala.

Sky Arte HD torna a raccontare la magia del teatro in modo eclettico e originale, svelando ciò che al pubblico tradizionale viene solitamente negato. Se con Sky Arte @ Piccolo  ci muoviamo dietro le quinte, svelando come uno tra i più importanti teatri di ricerca d’Europa costruisce i propri spettacoli – tra letture sceniche e prove – è ora arrivato il momento di compiere un passo ulteriore, andando là dove nessuna telecamera si è mai spinta prima. Nei camerini.

Titola proprio Camerini, dunque, la nuova serie che ci permette incontri ravvicinati con i grandi interpreti del teatro italiano contemporaneo. Conversazioni a tu per tu, chiacchierate tra vecchi amici che ingannano il tempo tra una prova e l’altra; che esorcizzano insieme, con una battuta e qualche piccola confessione, l’eccitazione per l’imminente debutto. Un modo completamente nuovo di guardare al teatro, svelato nei suoi aspetti più fascinosamente reali.

Il sipario della serie si apre su Stefano Accorsi, che dopo essere stato volto noto del piccolo schermo e aver trionfato al cinema si è rivolto, con sempre maggiore convinzione e successo crescente, al mondo della scena. Stefano ci accoglie nel suo camerino e ci racconta scelte artistiche e di vita, metodi di lavoro, piccoli segreti e prassi quotidiane; accompagnandoci passo dopo passo in un mondo da sogno. Quello dell’Orlando di Ludovico Ariosto, riletto dalla regia del grandissimo Marco Baliani.

Commenta con noi su Twitter “Camerini”, usando l’hashtag #CameriniSkyArte 

La curiosità – Un’autentica devozione quella di Stefano Accorsi per il personaggio di Orlando, interpretato a teatro negli ultimi anni in più di un’occasione e con diversi spettacoli. Il nome dell’eroe è lo stesso che l’attore ha scelto per il suo primogenito, nato nel 2006 dalla sua relazione con l’attrice francese Laetitia Casta.