Paco Rabanne, il rivoluzionario della moda

21 Agosto 2015


La forza della creatività si basa su un’alchimia di equilibri: passione e competenza, istinto e tecnica, senza dimenticare una buona dose di astuzia. L’istrionico stilista Paco Rabanne – protagonista del documentario in onda su Sky Arte HD lunedì 24 agosto, in un’imperdibile prima visione – ha imparato fin dagli esordi a cavalcare l’onda della fama, attento però a non lasciarsene travolgere.

Indiscusso interprete – e ispiratore – delle più innovative tendenze del secolo scorso, Paco Rabanne – all’anagrafe Francisco Rabaneda Cuervo – non smette di rappresentare un punto di riferimento per le recenti generazioni di fashion designer. L’elaborazione del suo stile rivoluzionario emerge senza mezze misure dall’intervista attorno a cui è costruito il documentario Paco Rabanne – L’anticonformista, che saprà affascinare gli spettatori con le mirabolanti vicende autobiografiche narrate dallo stesso designer.

Raggiunto dal regista Anthony Mutti nel cuore della Bretagna – magico scenario dove Rabanne ha deciso di ambientare la propria esistenza lontano dai riflettori – il re della moda non convenzionale racconta se stesso, riavvolgendo il filo di una carriera unica. Originario di San Sebastián, negli attuali Paesi Baschi, Rabanne trovò rifugio proprio in Bretagna, all’indomani dello scoppio della guerra civile spagnola. Divenuto in men che non si dica l’enfant terrible della moda francese, Rabanne intraprese la sua scalata al successo militando nelle maison dei più illustri couturier – da Dior a Balenciaga.

Fondatore della propria casa di moda nel 1966, a soli 32 anni, Rabanne non ha mai abbandonato la tendenza a cercare sempre nuove vie per esprimersi, elaborando collezioni passate alla storia, grazie all’impiego di materiali non comuni nella sartoria come il metallo. Eppure lo stilista ha anche saputo fermarsi, decidendo di tornare ai luoghi che hanno accolto la sua infanzia: quella Bretagna selvaggia e indomita da cui un’indole devota alla forza degli elementi come quella di Rabanne ha deciso di non allontanarsi più.