Elementare, Watson…

27 novembre 2014


Impermeabile e immancabile cappello, pipa all’angolo della bocca, lente di ingrandimento sempre a portata di mano. Dettagli inconfondibili, che disegnano la sagoma di uno tra gli eroi più affascinanti della letteratura di tutti i tempi. Eccentrico a limiti della vera e propria bizzarria, ma irrimediabilmente geniale nella sua capacità di immergersi nei coni d’ombra dell’anima e sondare le più torbide verità.

Nasce dalla penna di sir Arthur Conan Doyle e arriva su Sky Arte HD una figura da sempre avvolta nella leggenda: con Come Sherlock Holmes ha cambiato il mondo ci tuffiamo nelle sulfuree e misteriose atmosfere della Londra vittoriana, seguendo il sinistro echeggiare di passi nei vicoli notturni; trasalendo allo scorgere un’ombra improvvisa e sobbalzando nel momento in cui grida disperate squarciano il silenzio di un buio carico di presagi.

Ma non solo. Perché il documentario di Paul Bernays, costruito miscelando con grande acume fiction e realtà storica, sa guardare in modo orizzontale alla portata del personaggio: trasformandosi in un approfondito reportage dedicato all’evoluzione delle tecniche di investigazione. Mostrando come il progressivo controllo delle nuove tecnologie, al pari di un dominio sempre più consapevole delle teorie psicologiche e psichiatriche abbiano influenzato in modo decisivo il modo di affrontare l’eterna lotta al crimine.

Sherlock Holmes diventa quindi prototipo del detective moderno, nel quale astuzia e competenze tecniche si combinano nel perseguire la verità in modo tanto tenace quanto rigoroso. Il mitico detective, interpretato per il piccolo schermo da un enigmatico Edward Cartwright, si erge a paladino della giustizia facendo leva sull’arma della razionalità: nell’equilibrio tra scienza e sesto senso.

Commenta con noi la serata sui social network seguendo l’hashtag #ArteNoir

La curiosità – La frase più celebre che gli è stata attribuita, in realtà non è mai stata pronunciata! Non c’è traccia nei romanzi firmati da Conan Doyle della leggendaria “Elementare, Watson!”  comparsa solo negli Anni Trenta nel primo dei quattordici film che vedono il detective interpretato da Basil Rathbone.


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close