Gallerie d’Italia, come nasce un museo

8 Novembre 2012


Quasi quattrocento opere, dalla morbida luminosità dei marmi di Canova fino alle rivoluzionarie esplosioni di colore di Mario Schifano. Due musei in uno, con la sezione dedicata all’arte dell’Ottocento inaugurata un anno fa e la recente apertura del Cantiere del ‘900: un progetto che si innesta come una pietra preziosa in quell’eccezionale diadema della cultura che è il cuore di Milano. Sky Arte HD racconta Gallerie d’Italia, spazio espositivo di Intesa Sanpaolo.

Un progetto minuzioso, che ha visto il riallestimento del complesso di palazzi d’epoca affacciati su Piazza Scala e corso Manzoni: la firma in calce è quella di Michele De Lucchi, tra i più autorevoli architetti italiani in tema di interventi sul costruito. Le telecamere Sky colgono l’opportunità unica offerta dalla nascita del museo: si addentrano nell’idea progettuale, ne svelano il concept; e collezionano immagini del work in progress.

Un nuovo museo a Milano. Un nuovo museo per Milano. Nel corso degli anni Intesa Sanpaolo ha raccolto decine di opere di grandi maestri, guardando al Romanticismo lombardo (Molteni, Migliara, il Piccio e i fratelli Induno) e inanellando una serie affascinante di vedute e scorci della città. Documentando le trasformazioni del contesto urbano, dall’epoca dei Navigli navigabili fino all’età contemporanea raccontata da Umberto Boccioni.

Gallerie d’Italia è l’ideale anello di congiunzione di una grande catena dell’arte: un passaggio intermedio, in senso fisico e ideale, tra la Pinacoteca di Brera e il recente Museo del Novecento. Un’esperienza di grande rilevanza per il capoluogo lombardo, che in vista di Expo 2015 sogna la nascita di una Via dell’Arte: un corridoio della cultura che leghi le principali istituzioni cittadine. Da Palazzo Reale alla stessa Brera, guardando alla Scala e alle nuove Gallerie.