Get On Up! Con James Brown

4 Agosto 2014


Una orgogliosa storia di riscatto, che comincia nei campi di cotone della Virginia e finisce per correre lungo le strade di Detroit. Una lunga battaglia per il riconoscimento di diritti tanto fondamentali da essere, oggi, dati per scontati; quando in realtà sono stati conquista recente, pagata a caro prezzo. Il movimento di emancipazione degli afroamericani è stato accompagnato, nel suo secolare processo, dalla Black Music. Una ideale colonna sonora, tutta da scoprire.

In onda su Sky Arte HD il documentario che ricostruisce l’evoluzione della musica nera negli Stati Uniti, seguendo il progressivo passaggio dai canti di libertà intonati dagli schiavi al blues, passando poi al jazz e alla straordinaria stagione della Motown. Arrivando, in epoca più recente, all’esplosione del rap e dell’hip-hop, ultimo tassello di un processo che ha visto il mondo della musica come prima e migliore piattaforma per giungere a integrazione e uguaglianza.

Martha e The Vandellas, insieme a Diana Ross e le sue Supremes, sono sbarazzina e disinvolta immagine di un decennio attraversato invece da scontri e forti tensioni sociali. I violenti Anni Sessanta, segnati dal sogno spezzato di Martin Luther King e dalla parabola di Malcolm X sono anche quelli che vedono Sam Cooke rivoluzionare il mondo della musica. Aprendo, primo afroamericano nella storia, una propria etichetta discografica.

Intensi filmati d’epoca ricostruiscono eventi che sono entrati nella storia del costume: ecco il jazz impegnato della divina Nina Simone ed ecco scatenarsi sul palco un irresistibile James Brown, protagonista assoluto di una serata che vive, al termine di Black Music , del suo memorabile Live in Berlin. Siamo nel 1988, e il re del soul fa impazzire la Germania con una scaletta che lo vede inanellare tutti i suoi più grandi successi: da It’s A Man’s Man’s Man’s World  a Sex Machine .

Commenta con noi la serata sui social network seguendo l’hashtag #BlackMusic

La curiosità – Una doppia top ten: secondo l’autorevole Rolling Stone  James Brown merita di essere ai primi posti di due diverse classifiche che provano a stabilire i migliori performer di sempre. Il nostro risulta settimo nella graduatoria dei più grandi artisti della storia, decimo in quella dei migliori cantanti.