Grande musica. Dal buco della serratura

15 gennaio 2013


Lontano dalle costrizioni delle etichette discografiche, dai ritmi asfissianti delle tournée, dalle necessità di marketing e comunicazione. Salvi dal fragore dello show business, ma anche dal soffocante affetto dei fan, abbraccio a volte troppo stretto. Soli con la propria musica, liberi di esprimersi in un contesto capace, grazie alla sua intimità, di mettere i più grandi del rock nella condizione di dare il massimo.

Concerti From The Basement: arrivano dal buio di uno scantinato le voci di alcuni tra i  maggiori interpreti in circolazione, raccolte e registrate da Nigel Godrich, produttore e tecnico del suono già al fianco di U2 e Paul McCartney, e poi artefice dei maggiori successi dei Radiohead. Oggi creatore di un’atmosfera unica, in grado di esaltare performance di grande potenza espressiva. Con brani che puntano dritto al cuore.

Ad inaugurare questa nuova serie, ecco su Sky Arte HD Thom Yorke: il leader dei Radiohead si presenta in veste di solista, accomodato al pianoforte, per offrire oniriche versioni di capolavori che coprono gli ultimi anni di attività della band, ma che testimoniano anche il suo impegno come cantautore. E l’esibizione di Yorke non è l’unico piatto forte nel menù della prima puntata di From The Basement.

I suoi riff hanno scritto la storia recente dell’indie-rock, ma in pochi ne conoscono le doti come  songwriter. Stupisce l’incontro con Albert Hammond Jr.: il chitarrista degli Strokes si rivela performer di razza, interprete intenso e coinvolgente. La sua verve si rispecchia in quella degli Envelopes: un pop frizzante quello della giovane band franco-svedese, volto più nuovo e fresco della musica alternativa.