I Duran Duran secondo Lynch

24 ottobre 2014


Si tratta della ripresa video di concerto? Beh, sì: ma non solo. Allora è un docu-film? Anche, certamente. Ma non si può nemmeno ridurre a questo. Perché un progetto del genere travalica i confini stabiliti dai diversi linguaggi e si trasforma in una forma di opera d’arte totale: dove tutto converge verso uno spettacolare effetto di coinvolgimento emotivo, con le immagini e la musica a intrecciarsi in modo imprevedibile.

È il marzo del 2011 quando i Duran Duran si ritrovano al Mayan Theatre di Los Angeles nella line-up originale, la stessa che incantava il pubblico negli Anni Ottanta: con Simon LeBon alla voce, accompagnato dai fedeli Nick Rhodes, John e Roger Taylor. Un’occasione imperdibile, resa unica da un grande maestro del cinema. Presenza inafferrabile, sul palco, quella di un certo David Lynch. Accompagnato, in esclusiva per l’Italia, dall’introduzione di Morgan.

Lynch trasporta la performance della band sul suo terreno preferito: quello dell’assurdo, del mistero, della magia; costruendo un visionario sistema di ripresa che falsa e mescola i piani tradizionali, facendo di Duran Duran – Unstaged un’esperienza unica. Resa tale anche grazie alla partecipazione di special guest d’eccezione: come Kelis e Mark Ronson, o ancora la voce dei Gossip Beth Ditto e Gerard Way, leader dei My Chemical Romance.

Non nasce dal caso la collaborazione tra i Duran Duran e Lynch: capitale il lavoro della band nel definire una nuova estetica dell’immagine in ambito musicale. Come ci dimostra, subito dopo lo show, la puntata di Video Killed the Radio Star dedicata alle loro avventure davanti alla macchina da presa. Dal memorabile Rio  in avanti LeBon e compagni hanno contribuito a inventare il linguaggio del videoclip, innescando il rivoluzionario ingresso del pop nel piccolo schermo.

Segui con noi la serata sui social network commentando attraverso l’hashtag #DuranDuranNight

La curiosità – Una star dei sette mari! Nota la passione di Simon LeBon per la barca a vela, passione che è costata un rischio altissimo al leader dei Duran Duran. Nel 1985, durante una regata, la sua imbarcazione di capovolge e il cantante resta intrappolato al suo interno: solo l’intervento della Royal Navy eviterà il peggio.


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close