I re del rock. Live da leggenda

26 Agosto 2013


Le luci si abbassano, mentre sale al cielo quello della folla. Un interminabile secondo di sospensione e poi, all’improvviso, va in scena la magia. Quella di quattro band che hanno segnato la storia del rock, immortalate nel corso delle loro più fortunate e travolgenti esibizioni dal vivo. Queen, Rolling Stones, Who e Doors. Protagonisti de La notte delle leggende, appassionante cavalcata lungo i sentieri della musica.

Montreal, 1981. Freddie Mercury infiamma la platea con il suo carattere da autentico mattatore, tenendo in pugno il suo pubblico. Si parte con l’incedere marziale di We Will Rock You , promessa che viene ampiamente mantenuta nel corso di un live che passa da Crazy Little Thing Called Love , a Bohemian Rhapsody , prima del crescendo finale che conduce attraverso We Are The Champions  all’eclettico arrangiamento dell’inno nazionale britannico. Implicito omaggio al Jimi Hendrix di Woodstock.

Dalle sonorità glam dei Queen si passa al rock-blues secco e asciutto dei Rolling Stones, registrati in Texas nel 1972: il tour è quello che promuove il lancio di Exile on Main St.  , tra i più grandi successi di Mick Jagger e compagni. Ha la firma di un premio Oscar, il documentarista Murray Lerner, il video che documenta la performance degli Who al festival dell’Isola di Wight: siamo nell’estate del 1970, davanti a un pubblico di 600mila persone. Uno show entrato nella Storia.

Al pari di quello tenuto dai Doors, nel luglio del 1968, all’Hollywood Bowl. La cornice è quella di uno straordinario anfiteatro a un passo dalle assolate spiagge della California, il clima è quello incandescente della Summer of Love. Jim Morrison, lo sciamano del rock, incanta i fan in delirio con Light My Fire , Five to One , Back Door Man ; prima di una delle più oniriche e allucinate versioni mai eseguite di The End .

 

La curiosità – Nasce nel 1922, sfruttando un’eccezionale condizione di anfiteatro naturale. Con le colline a fare da perfetta cassa di risonanza. Oltre alla storica performance dei Doors l’Hollywood Bowl ha conosciuto ben due esibizioni dei Beatles, raccolte nell’unico album live ufficiale dei quattro di Liverpool. Ma il record di spettatori non è stato raggiunto né da Morrison e soci né dai Fab Four: è il 1936 quando oltre 26mila persone si assiepano per ascoltare la soprano Lily Pons.