Il cinema anticonformista di Carmelo Bene

8 gennaio 2015


Nostra Signora dei Turchi non è un film facilmente inquadrabile, a cominciare dalla trama. Che non c’è, quasi si potrebbe dire, perché nel primo lungometraggio di Carmelo Bene conta la vicenda interiore del personaggio. Come insegnano i manuali di sceneggiatura, non c’è trama senza azione: il travaglio interno al protagonista lo condanna all’impotenza quasi assoluta.

Ben altri valori poetici hanno portato Gianni Canova a selezionare quest’opera per la serie RaroArte, curata dall’autorevole critico espressamente per i cinefili del nostro canale.  Il fascino di questa gemma della videoteca di Sky Arte HD, tutta da riscoprire, risiede infatti nella capacità di comunicare ciò che si pensa e sente, senza la necessità di tradurlo in azione tangibile. È un’opera che non a caso segna l’inizio della maturità artistica di Carmelo Bene. Nel giro di pochi anni l’autore interromperà la sua parentesi cinemografica, ma non i legami con quest’opera: proprio la messa in scena della trasposizione teatrale di Nostra Signora dei Turchi, nel 1973, segna infatti il suo definitivo ritorno alla drammaturgia.

Il rapporto tra Carmelo Bene e il grande pubblico non è stato dei migliori, in effetti. Presentato alla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, la pellicola verrà ritirata in tutta fretta dalle sale cinematografiche italiane a causa della contestazione da parte degli spettatori. Proteste che – è il 1968, non dimentichiamolo! – si traducono spesso e volentieri in atti vandalici, ai danni del malcapitato cinema dove veniva proiettato il film.

Anche Nostra Signora dei Turchi è a suo modo un’invettiva, lanciata dal personaggio – Carmelo Bene, nei panni di un uomo pugliese – contro quelle forze esterne che premono sul suo mondo interiore e gli impongono di accettare una cultura che non sente come propria. All’uomo non resta che condurre una vita volontariamente mediocre, invece di accettare una salvezza esterna che ha tutti i crismi dell’ennesimo diktat sociale.

Commenta con noi la proiezione del film sui social network, con l’hashtag #RaroArte.

La curiosità – L’attrice Lydia Mancinelli ha raccontato che, durante le riprese in Salento dell’ultima scena del film, il suo costume da Santa Margherita – con tanto di peplo e aureola in testa – portò gli abitanti dei paraggi a scambiarla per un’apparizione mariana… rendendola per un’ora l’oggetto di una sincera devozione popolare!


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close