Il karma di Thom Yorke

13 Gennaio 2014


Che annata il 1992! Il grunge imperversa con gli exploit di Nirvana e Pearl Jam, Madonna sconvolge il mondo con l’ennesimo riuscito cambio di stile e look che accompagna l’uscita di Erotica , in Italia esplodono il fenomeno pop degli 883 e il rock demenziale di Elio e Le Storie Tese. Passa quasi inosservato il passaggio, sulle radio inglesi, di un singolo dalle melodie magnetiche e dolenti; un cantato che è grido di dolore generazionale. In pochi si accorgono di Creep . Ma tutti scopriranno, di lì a poco, la classe cristallina dei Radiohead.

La band capitanata da Thom Yorke è al centro di una one night  di assoluta suggestione: il via in prima serata con una nuova puntata di Rock Legends, la serie che grazie a straordinari documenti video ed interviste esclusive racconta l’avventura delle più grandi star della musica contemporanea. Partendo, nel caso dei Radiohead, proprio dall’ironica vicenda di Creep : “bannata” dalle radio inglesi perché considerata troppo malinconica, finita per diventare uno dei brani simbolo del decennio.

A seguire In Rainbows, videoracconto che documenta la nascita dell’omonimo album del 2007, pietra miliare per l’evoluzione del sound di una band tornata a uno stile più tradizionale dopo le avventurose sperimentazioni psichedeliche di Kid A ; ma anche Atoms For Peace: evoluzione del percorso artistico di Yorke, che in questa nuova avventura musicale sceglie di accompagnarsi al bassista dei Red Hot Chili Peppers e al producer Nigel Godrich. Tentando nuove vie espressive.

È ancora Godrich il deus ex machina  della successiva puntata di From the basement, serie che porta i grandi nomi del rock a misurarsi con set dalla profonda carica intimistica. I Radiohead vengono “chiusi in cantina”, chiamati ad esprimersi liberamente nell’atmosfera di quella che appare come la più calda e accogliente delle sale prove. Il clima è quello garage degli esordi, libero dai compromessi dello show-business: a trionfare è la musica.

La curiosità – Noi ci mettiamo l’album, il prezzo lo decidete voi! Passaggio epocale quello che ha visto la pubblicazione di In Rainbows , uscito in edizione digitale nell’ottobre 2007 sul sito ufficiale dei Radiohead, con le canzoni in download libero a offerta libera. Si è trattato del primo esperimento del genere mai tentato da una band di calibro internazionale.