In visita alla National Gallery di Londra

11 Giugno 2015

NATIONALGALLERY film documentario

Ai giorni nostri, un museo è molto più di un mero “contenitore” di opere d’arte. Lo è per molti visitatori abituali, che spesso e volentieri fanno ritorno al museo della loro città per rinfrancarsi ammirando il capolavoro preferito. Per i turisti, al contrario, la visita alla collezione d’arte può diventare un viaggio di scoperte a lungo anticipate con l’immaginazione. Per non parlare poi di tutti coloro che, all’interno di un museo, trascorrono gran parte delle proprie giornate: curatori, custodi, restauratori e addetti ai servizi per la clientela.
In epoca contemporanea, insomma, il museo è un luogo della cultura fatto e finito, l’istituzione che meglio di qualsiasi altra ci permette di riallacciare rapporti individuali e collettivi con il passato.

È in questo senso che il regista Frederick Wiseman – Leone d’Oro alla Carriera alla Mostra del Cinema di Venezia nel 2014 – ha raccontato la National Gallery, nell’omonimo documentario che travalica l’intento didattico per trasformarsi in un film appassionato, che coltiva il gusto della lentezza e della contemplazione, riservando nel mentre sorprese continue.
Presentato lo scorso anno al Festival di Cannes, il lungometraggio viene presentato il prossimo venerdì 12 giugno da Sky Arte HD in prima visione; permettendo allo spettatore di immergersi nel museo londinese, guidandolo in un viaggio nel cuore dell’istituzione di Trafalgar Square e dei capolavori dell’arte occidentale che vi sono custoditi.

Il regista porta in scena molti dei momenti quotidiani vissuti dallo stesso staff del museo: le riunioni di marketing, i dibattiti sulle scelte di illuminazione delle sale o del restauro di alcune opere, la gestione della dimostrazione di protesta da parte di Greenpeace… i cui attivisti si sono arrampicati sulla facciata del museo.
I 180 minuti di proiezione condensano le oltre 170 ore di riprese, mostrando con la maggiore ampiezza di visione possibile la National Gallery come non si era mai vista: come organismo, creatura con una sua vita a cui concorrono anche “organi” nascosti al primo sguardo.

Commentate sui social network la proiezione del film attraverso l’hashtag #BiografilmSkyArte.