Ingresso Libero. 1° maggio a Roma

30 Aprile 2020

Photo by Laszlo Szirtesi_Getty Images)

PER VEDERE LO STREAMING CLICCA QUI. PUOI ACCEDERE A INGRESSO LIBERO ANCHE ATTRAVERSO QUESTO LINK

Anche la giornata del 1° maggio offrirà agli spettatori di Sky Arte l’occasione di compiere un viaggio, seppur a distanza, alla scoperta del patrimonio culturale nostrano.

Nello specifico faremo tappa a Roma, descritta nei dettagli dalle puntate della serie Sette Meraviglie in onda dalle 15:00 alle 17:30 e poi alle 19:00 e dalle 21:00 alle 23:30. Dal Pantheon raggiungeremo i mercati e il Foro di Traiano, per poi scoprire perché Roma è definita la regina delle acque. Una visita a Castel Sant’Angelo cederà dunque il posto ai segreti della Roma sotterranea e delle chiese paleocristiane. Alle 18:30, invece, l’episodio di Sei in un Paese Meraviglioso sarà intitolato ai Pellegrini sulla via dei 7 ponti.

Alle 19:30 l’arte contemporanea di Valerio Berruti animerà la giostra di Nina e alle 19:50 andrà in onda la quarta puntata di Luce Social Club, il format che racconta il cinema usando il linguaggio trasversale delle arti.

Alle 18:00 e a mezzanotte Isabella Ragonese descriverà la storia del cd nell’episodio di Retromania.

Alle 20:50, infine, andrà in onda la nuova puntata di Io ti vedo, tu mi senti?. Il primo a intervenire sarà Luca Beatrice, che ha di recente aperto un canale su YouTube, Da che arte stai?, per spiegare l’arte in pillole ai giovani maturandi. Subito dopo Nicolas Ballario ci parla del Giornale dell’arte, che in questo periodo è disponibile gratuitamente online per tutti i suoi lettori, e del progetto Arte per la vita, nato ad Aosta e frutto della collaborazione di decine di artisti in continuo aumento.
Protagonista dell’approfondimento in animazione è il grandissimo Damien Hirst, che si è messo a disposizione attraverso il proprio canale Instagram per rispondere a 100 domande dei suoi fan. Durante l’intervista conclusiva, poi, Nicolas dialoga con Cristiana Perrella, direttrice del Centro Pecci di Prato, tra le istituzioni più attive per continuare a promuovere l’arte contemporanea anche in periodo di quarantena.