Johnny e June: galeotto fu il folk

11 Settembre 2013


La sua voce, calda e pastosa, ha segnato in modo indelebile la storia della musica folk. La sua chitarra, forte di una complessa semplicità, ha tessuto trame sonore scatenate e al tempo stesso delicatissime. Un poeta di rara sensibilità e un musicista eccelso Johnny Cash: un documentario unico racconta la carriera irripetibile di una delle personalità più amate della cultura americana.

Nel giorno del decimo anniversario della scomparsa, la figura di Cash continua a entusiasmare i fan di tutto il mondo: Sky Arte HD racconta la fortunata carriera e la tormentata vita privata di un artista dal talento inarrivabile. Si parte dalla difficile infanzia nell’Arkansas devastato dalla Grande Depressione e si finisce ai successi di brani epici come “Folsom Prison Blues”; in mezzo l’amicizia con Elvis Presley e l’intensa storia d’amore con June Carter.

Un rapporto splendido, nato nel backstage del Grand Ole Opry, dove entrambi erano stati chiamati a esibirsi. John e June sono per decenni l’uno la musa dell’altra; compagni d’avventura lungo i sentieri della musica. Nel documentario diretto da Cal Saville, in una delle ultime interviste rilasciate dal cantautore prima della morte, il ricordo di una passione tanto coinvolgente quanto tormentata.

Walk the line – Quando l’amore brucia l’anima  è infatti il titolo, non casuale, del biopic che racconta la parabola artistica di Cash, in onda domenica 15 settembre su Sky Cinema Cult. Nel corso di una lunga giornata dedicata interamente a Joaquin Phoenix, splendido nel vestire i panni del cantautore. Il suo talento versatile è esaltato in Le forze del destino  e Buffalo Soldiers , fino all’inquieto 8mm – Delitto a luci rosse , dove recita a fianco di uno strepitoso Nicolas Cage.

Curiosità – Nessun doppiaggio, anzi: il beneplacito degli stessi Johnny e June. Poco prima della loro scomparsa Cash e la moglie accettano di collaborare al progetto per il film che racconta la loro storia d’amore, scegliendo personalmente gli attori destinati a interpretarli. Sia Phoenix che Reese Whiterspoon – che grazie a questa prova vincerà l’Oscar – sostengono audizioni canore prima di essere scelti: tutti brani cantati in Walk the line  sono infatti eseguiti da loro.