La penna pungente di un uomo libero

21 febbraio 2013


Si è battuto contro ogni forma di conformismo: denunciando l’assurdità della guerra del Vietnam e le molte ipocrisie della società dei consumi, ha abbracciato la cultura beat e quella hippie, animando a New York la mitica scena del Greenwich Village. È stato sempre al centro dell’azione e della cronaca, penna tagliente e provocatoria: Sky Arte HD incontra Norman Mailer – L’Americano. Eccezionale testimone del contemporaneo.

Un documentario schietto quello ideato da Joseph Mantegna, abile a ricostruire non solo l’attività di uno tra i giornalisti e scrittori più controversi della recente storia americana; ma l’intera società statunitense, fotografata in un momento di forti contraddizioni. La vicenda personale di Mailer mette a nudo lo scarto che si registra nell’anima di un Paese ancora drammaticamente diviso tra spirito di libertà e bigottismo.

Il ritratto di Mailer si compone un tassello alla volta, assemblato anche grazie alle voci e alla memoria di chi l’ha conosciuto e amato. Dal giornalista Ed Fancher a Gore Vidal, tra i più grandi intellettuali del nostro tempo; fino ai più stretti famigliari: su tutti i figli John e Danielle, ma anche la seconda moglie, Adele. Documenti originali, filmati d’epoca e lunghe e accurate interviste contribuiscono a restituire l’immagine di un protagonista del nostro tempo.

Chi è Norman Mailer? In tre parole: un uomo libero. Libero di dire ciò che pensa: come, dove e quando vuole; libero di sbagliare ed esagerare: come quando, a seguito di un litigio, aggredisce e ferisce la moglie. Libero di sfidare a duello il campione dei pesi massimi, Muhammad Alì; ma anche di pubblicare tenere e stupefacenti poesie. Libero, insomma, di vivere con coraggio e straordinario senso di responsabilità il ruolo di uomo del suo tempo.