L’enfant prodige della musica classica

30 Aprile 2015


A due anni, guardava i cartoni animati come tutti i bambini. A differenza dei suoi coetanei, però, la leggenda vuole che lui sia rimasto folgorato dalla visione di una scena di Tom & Jerry in cui il gattone suona un pianoforte.

Ha inizio con questo improbabile aneddoto l’incredibile amore di Lang Lang nei confronti di questo strumento musicale e della musica classica: una passione che lo spinge a diventare il pianista vivente più conosciuto al mondo, Ambasciatore dell’Expo 2015 che inaugura a Milano proprio all’inizio del mese di maggio. Davvero niente male, per un musicista nato – soltanto! – nel 1982.

Già in occasione del trentesimo compleanno, Lang Lang ha dato prova di una performance straodinaria; per la maturità della sua esecuzione al piano, certamente… e per essersi esibito con un altro “mostro sacro” della tastiera: Herbie Hancock, star indiscussa della scena pianistica come il giovane cinese, anche se sul versante del jazz.

Nell’immenso spazio dell’O2 World di Berlino, assisteremo a questa unione di forze creative, capace di passare da West Side Story di Leonard Bernstein a Schubert, da Rapsodia in Blue di Gershwin Brahms. Per un concerto capace di convincere anche i più scettici ascoltatori: la musica classica è più che mai viva.