L’arte ribelle del tatuaggio

15 Ottobre 2015

tattoo-nation

Emblema di una convinta ribellione o vezzo di una moda dilagante? La storia del tatuaggio racchiude la forza della protesta contro un sistema di regole ben definito e al contempo il fascino dell’estetica. L’imperdibile serata in onda domani su Sky Arte HD punterà i riflettori su un’arte a lungo sottovalutata e poi divenuta, in men che non si dica, un sovraesposto fenomeno di costume. L’intrigante Tattoo Night ci accompagnerà alla scoperta di una tecnica complessa, non riducibile ad un semplice disegno sulla pelle.

Aprirà l’emozionante rassegna Tattoo Nation, il documentario diretto da Eric Schwartz e incentrato sulle vicende di tre pionieri dell’arte del tatuaggio, i maestri chicani Charlie Cartwright, Jack Rudy e Freddy Negrete. Anche grazie a loro, il segno distintivo di motociclisti e marinai si è trasformato in una tecnica preziosa, amata da intere generazioni. Nel 1975, Cartwright e Rudy fondarono il primo salone di tatuaggi nel cuore della comunità chicana di Los Angeles, assumendo il giovane Negrete, appena uscito di prigione sulla parola. Il resto è storia: l’insolito trio sarebbe diventato da lì a breve il capostipite di un’arte senza confine geografici. Nel corso del documentario, saranno proprio i tre maestri a raccontarci la loro incredibile esperienza, affiancati da altri grandi nomi del settore come David Oropeza e “Chuco” Caballero, accompagnandoci in un eccitante viaggio fra tecnica e fantasia.

Parlando di trasgressione, non può mancare all’appello una delle più iconiche figure femminili di sempre, l’esplosiva Bettie Page. Grazie alla sua carica sensuale e alle sue pose provocanti, la splendida pin-up statunitense è stata la capostipite del genere, entrando nell’immaginario collettivo del Novecento e non solo. Il suo volto e le sue posture al confine con l’erotismo sono divenuti i soggetti più richiesti dagli appassionati di tatuaggi. A lei e al suo mito senza tempo è dedicato il documentario La vera vita di Bettie Page: una rarissima intervista alla celebre pin-up, la cui suadente voce ci guiderà alla scoperta di una storia sopra le righe. Tra confessioni di un passato segreto e immagini dell’epoca, un ritratto a tutto tondo – e dai toni accesi! – della prima, vera sex symbol dei tempi moderni.

Commentate sui social network la speciale serata attraverso l’hashtag #TattooNight.