L’Italia nel cuore di Expo

16 Settembre 2015

the-waterstone-i-luoghi-del-cuore-fai

Sei paesaggi italiani, legati alle eccellenze della produzione alimentare nostrana, sono i protagonisti di altrettanti incontri a Milano che, tra giugno e ottobre, si svolgono all’interno di The Waterstone presso Expo 2015. L’iniziativa s’intitola non a caso I Luoghi del Cuore ed è promossa dal FAI – Fondo Ambiente Italiano, in partnership con Intesa Sanpaolo che sostiene il progetto sin dalla prima edizione nel 2003.

In questi 12 anni, nel cuore di quasi due milioni di persone – tanti sono infatti i sostenitori del progetto – sono entrati 31mila luoghi di arte e natura, sparsi in quasi 6mila Comuni italiani. Di questi ambienti, palazzi, valli e vigneti censiti dal FAI, 45 sono stati sottoposti a interventi di restauro e salvaguardia, come diretta conseguenza dell’elezione popolare a Luoghi del cuore.
Il progetto consiste infatti in un’incredibile mobilitazione su scala nazionale di cittadini interessati a difendere e tramandare alle generazioni future il meglio dell’Italia: quei paesaggi dove uomo e natura non si sono scontrati ma incontrati, esaltandosi a vicenda.

I luoghi proposti all’interno dello splendido padiglione di Intesa Sanpaolo a Expo, progettato da Michele De Lucchi, costituiscono una significativa selezione di quelli segnalati nel corso del censimento del 2014.
A Milano – e giovedì 17 settembre, su Sky Arte HD – ogni luogo viene raccontato da video inediti e dalle testimonianze dirette di chi ci vive e lavora. Accanto alle produzioni tipiche, vengono naturalmente approfonditi anche usi, costumi e tradizioni, offrendo così un ritratto completo in cui il paesaggio naturale incontra la cultura tipica del territorio.

A inaugurare la selezione di Luoghi del cuore, lo scorso giugno, sono state le Risaie di Lucedio, a Trino, località situata ad appena 15 chilometri da Vercelli, in Piemonte. Qui si trova l’Abbazia di Santa Maria di Lucedio, fondata nel 1123 dai monaci cistercensi, che avviarono una straordinaria opere di bonifica di terreni paludosi e incolte boscaglie. Il territorio che circonda l’abbazia reca ancora oggi i segni dell’azione operata dall’uomo e dal suo rapporto secolare con l’attività agricola: dai miglioramenti del sistema irriguo connesso alla realizzazione del Canale Cavour, alle trasformazioni capitalistiche della grande proprietà agraria.

A seguire, protagonisti della serata saranno altri, straordinari paesaggi italiani: la Fattoria granducale della Fila Montepulciano (Siena); la scenografica e monumentale Fontana di Civitanova Lanciano (Chieti); la Laguna dello Stagnone e le antiche Saline di Marsala (Trapani); il Borgo e i Vigneti di Rolle di Cison di Valmarino (Treviso); la Fiumara grecanica del bergamotto a Bova Marina (Reggio Calabria).