A spasso nella storia di Milano

10 Agosto 2015

ITALY-TOURISM-MILAN-DUOMO

La sede di Expo 2015, la capitale della moda, la città della più famosa Design Week d’Italia: certo, Milano è tutto questo. Ma è anche di più perché, a dispetto dei suoi ritmi frenetici da metropoli di calibro internazionale, conserva ancora angoli dove il tempo sembra essersi fermato. E incredibili capolavori d’arte ci offrono uno sguardo sulla lunga storia della città meneghina.

La nostra Notte a Milano comincia proprio dal Rinascimento, e da uno dei suoi massimi esponenti. Un genio insuperato che nel capoluogo lombardo fa il suo ritorno, essendoci stato per lunghi anni in vita. Le telecamere di Sky Arte HD attraversano le sale della prestigiosa sede di Palazzo Reale, a Milano, per offrirci una visita esclusiva a Leonardo 1452-1519. Il disegno del mondo, la più completa esposizione monografica intitolata al maestro Leonardo da Vinci in territorio italiano. Forse la più attesa delle Grandi Mostre di quest’anno, vero fiore all’occhiello dell’offerta culturale concepita dalla città per Expo 2015: fino al 19 luglio, il pubblico potrà osservare da vicino una eccezionale selezione di capolavori, tra dipinti e disegni autografi, del grande genio della storia dell’arte.

Vale la pena menzionare i diversi dipinti di Leonardo presenti in mostra: il San Gerolamo della Pinacoteca Vaticana, la Madonna Dreyfuss proveniente dalla National Gallery of Art di Washington, la Scapiliata della Galleria Nazionale di Parma. Ben tre opere importanti, infine, arrivano in prestito dal Museo del Louvre: la Belle Ferronière, l’Annunciazione, il San Giovanni Battista.
Allestite con una precisa attenzione alla resa luminosa e raggruppate in dodici sezioni, le opere di Leonardo tengono le redini di una mostra che propone anche una ricca serie di manoscritti, sculture, incunaboli e cinquecentine provenienti da musei e biblioteche di fama mondiale.

Ma la presenza del genio rinascimentale si attesta in altri luoghi di Milano. Perché è un legame profondo, quello che unisce Leonardo da Vinci al capoluogo lombardo. Leonardo raggiunse infatti Milano nel 1482, stabilendovi la sua dimora fino all’alba del Cinquecento. Entusiasta per il fervore artistico che animava la città, il trentenne presentò a corte i suoi progetti, ottenendo il consenso del duca a una serie incredibile di iniziative e attività. Oltre alle imprese di ingegneria e meccanica, Leonardo fu impegnato anche sul piano artistico, realizzando opere passate alla storia. Una di queste è la celeberrima Ultima cena, realizzata nel refettorio adiacente alla chiesa di Santa Maria delle Grazie e protagonista della puntata di Sette Meraviglie.

Facendo un balzo avanti nella storia, per seguire un personaggio più “attuale” in visita a Milano: il cantante dei Madness, Graham McPherson meglio conosciuto come Suggs, ci porterà nei camerini del Teatro alla Scala per indossare i panni – in senso letterale – di Luciano Pavarotti… e chissà cos’altro vorrà fare nella città lombarda!
Con il leader della famosa band ska inglese, siamo ormai tornati ai nostri giorni. E proprio in chiusura di serata scopriremo il lato più attuale della produzione artistica milanese: la Street Art. Di Graffiti a Milano ce ne sono diversi, ma in prossimità dello Stadio di San Siro un lunghissimo muro – che costeggia tutto l’ippodromo – offre una galleria di murales a cielo aperto. Due anni fa, questa chilometrica superficie ha ospitato la più grande jam di graffiti writing mai organizzata in Italia…

Commentate sui social network la speciale serata utilizzando l’hashtag #NotteaMilano.