Moby, guru dell’elettro-pop

9 Settembre 2013


È difficile trovare un artista che sappia manipolare in modo tanto efficace più generi musicali, miscelandoli con sapienza fino a costruire trame inedite. Un alchimista sonoro Richard Melville Hall, in arte Moby, straordinario protagonista di quell’ambito che vede l’elettronica diventare linguaggio privilegiato per il pop. Uno show emozionante quello portato sullo stage del Main Square Festival di Arras nell’autunno del 2011, oggi riproposto su Sky Arte HD.

Novanta minuti di grande musica, sottolineata dalla spettacolare regia video di un maestro dei live report: il racconto per immagini dell’evento è affidato a Fabien Raymond, già al lavoro con artisti del calibro di Slipknot, Nick Cave, Radiohead e Noir Désir. Grande empatia ed eccezionale capacità di coinvolgimento per un concerto che entusiasma e seduce, scatena e commuove. Liberando tutta la gamma delle emozioni.

La scaletta non può non accontentare i fan, alle prese con un vero e proprio greatest hits. Partenza affidata a Raining Again , forte di un incedere marziale e una batteria lo-fi che sanciscono il riuscito ammiccamento nei confronti del garage, prima dell’irresistibile galoppata lungo i sentieri del più convincente elettro-pop d’autore. Folla in delirio per le leggendarie Porcelain , Honey  e Bodyrock , pezzi diventati icona in musica del nuovo millennio.

Moby si muove con la consueta ed eterea eleganza, folletto sfuggente che sa tenere in pugno il proprio pubblico costruendo atmosfere di inarrivabile magia. Emozione alle stelle per la struggente Why Does My Heart Feel So Bad? , tenero canto di amore e dolore affidato alla voce di uno special-guest di lusso: è sir Elton John a raggiungere Moby per un duetto dal fascino assoluto, performance destinata a restare negli annali del pop.

La curiosità – Il musicista e l’attore insieme sui banchi di scuola. Ancora lungi dal diventare Moby, il giovane Richard Melville Hall frequenta la Royle Grammar School di Darien, nel Connecticut, insieme a un certo Robert Downey Jr., di cui diventa fortissimo amico. Un rapporto, quello tra musicisti e attori in erba, che trova altri illustri precedenti: devono essersi divertiti parecchio alla Beverly Hills High School, in quella classe che vedeva insieme Lenny Kravitz, Nicolas Cage e Slash…