Musica da leggere con Boosta

1 maggio 2013


È il mistero dell’uomo ad andare in scena all’interno di una nuova serie di appuntamenti con Boo(k)sta, pillola quotidiana che vede i grandi classici della letteratura di ieri e di oggi raccontati grazie all’immediatezza e all’empatia della musica. Alle tastiere Davide Dileo, in arte Boosta, fondatore dei Subsonica e apprezzato scrittore: a lui il compito di tratteggiare con voce e note le trame dei libri che gli hanno cambiato la vita.

L’essenza dello spirito, il potere della mente, la forza incontrollabile della natura. Il Profeta di Khalil Gibran si spinge lungo i più misteriosi e affascinanti sentieri della conoscenza, ponendo domande che portano a riflettere sull’insondabile meraviglia dell’assoluto. Un incedere che fonde la suggestiva delicatezza della poesia con la costruzione metodica della prosa, un classico del pensiero occidentale, sospeso tra filosofia e letteratura.

Prima che cadessero nella spirale di violenza che li ha tramutati ne “Le Belve” sono stati semplicemente I re del mondo. Questo il titolo del romanzo con cui Don Winslow racconta la delittuosa formazione di Ben, Cho ed O, i tre protagonisti del best-seller recentemente tradotto per il grande schermo da Oliver Stone. Un vero e proprio prequel, che vede il trio avviare quel vortice di tradimenti e passioni che è carattere distintivo della penna noir di un autore tra i più intriganti di oggi.

Il potere della cultura e quello dell’amore. Un incontro epico, tra le pagine di quello che resta – a trent’anni dalla sua pubblicazione – l’ultimo grande successo internazionale della letteratura italiana. Con Il nome della rosa Umberto Eco riscrive le regole del romanzo storico, costruendo un’opera d’arte finalmente totale: un giallo filosofico, intrigante e avvincente, semplicemente perfetto nel tratteggiare personaggi che sono entrati nella Storia.