Obiettivo sull’arte. Con Aurelio Amendola

7 Agosto 2015

Aurelio Amendola

È una storia al confine tra arte e vita, quella che andrà in onda domenica sera su Sky Arte HD, in prima visione assoluta. Il protagonista è uno dei maestri italiani dello scatto – Aurelio Amendola – e sua è la stessa voce narrante del documentario L’occhio sull’arte, dedicato al rapporto quasi tangibile che lega il fotografo ai soggetti delle sue istantanee.

Amendola si racconterà di fronte alle telecamere, accompagnando gli spettatori in un viaggio a ritroso nel tempo fino alle origini della propria carriera, fatta di incontri con artisti e capolavori senza tempo, balzati di diritto al centro dei suoi ritratti. Sullo sfondo del suo splendido casale nel cuore della campagna toscana – a poca distanza dall’originaria Pistoia – il fotografo illustra il proprio emozionante incontro con l’arte e il modo in cui questa è entrata a far parte della sua vita, anche attraverso chi la fa.

Splendori scultorei e volti celebri si sono “messi in posa” per Amendola, rinsaldando il potere del gesto creativo, che si ritrova – oltre che nei soggetti del fotografo – anche nella tecnica di sviluppo e stampa da lui adottata. Tutto è manuale e analogico: dall’intimità della camera oscura emergono le meraviglie in bianco e nero immortalate da Amendola – come le straordinarie Cappelle Medicee di Firenze, rese ancora più suggestive dall’uso del banco ottico e dalla sapiente modulazione di chiaroscuri in fase di stampa.

Il colore esplode, invece, quando Amendola rispolvera il ricordo di Andy Warhol e Roy Lichtenstein – conosciuti e ritratti a New York, tra la fine degli anni Settanta e i primi Ottanta. In un pellegrinaggio che alterna tradizione classica e testimonianze contemporanee, l’autore ci accompagna alla scoperta degli studi dei più grandi artisti novecenteschi: da Burri a de Chirico, da Pomodoro a Schifano, da Marino Marini a Ceroli e Kounellis, da Julian Shnabel, a Vedova.
Non sarà solo Amendola a riavvolgere il filo della propria storia, ma anche le voci di esperti e critici – fra cui Marco Meneguzzo, Carlo Arturo Quintavalle e Gianluigi Colin – che ci sveleranno alcuni affascinanti dettagli di un’intensa carriera.