Pittori maledetti a confronto

10 Aprile 2015

Paul Gauguin, Arearea, 1892. Olio su tela, 75 x 94 cm, Musée d’Orsay, Parigi. Photo: © RMN-Grand Palais (Musée d’Orsay)/Hervé Lewandowski

Sono stati amici o, almeno, hanno provato a stringere un legame umano oltre quello artistico. Di certo, Paul Gauguin e Vincent Van Gogh hanno condiviso un ruolo fondamentale nella pittura di fine Ottocento, riportandola a una profondità spirituale ed emotiva che l’Impressionismo aveva perso, in favore di un’arte squisitamente “ottica”.

In questa serata, dedicata da Sky Arte HD ai due grandi nomi del post-impressionismo europeo, cominceremo con il raccontare The full story di Paul Gauguin, che non è stato soltanto un grande pittore: scultore, musicista, giornalista e ceramista, la sua personalità variegata – e discussa – merita di essere ritratta a tutto tondo per rendere giustizia all’innovatività della sua arte.

Il Gauguin che emerge da questo racconto – in onda in prima visione alle 21:10 – si difende anche dalle tante critiche sulla condotta morale, perché il documentario è capace di confutare finalmente le accuse di razzismo, negligenza nei confronti della famiglia e promiscuità che nella letteratura popolare sono sempre state rivolte all’artista.
Attraverso la rilettura della vita di Gauguin e i tanti capolavori riproposti nel documentario – esposti all’Ermitage di San Pietroburgo per la prima volta in anni recenti, dopo essere scomparsi durante la Seconda Guerra Mondiale – potremo finalmente apprezzare in modo nuovo la pittura del francese e le sue diverse evoluzioni stilistiche.

A seguire, il film Dietro l’artista – Van Gogh ci permette di andare a fondo anche nel percorso creativo del genio olandese, al di là dell’immagine popolare del pittore maledetto. Come è riuscito Vincent, figlio della borghesia olandese, a diventare il Maestro Van Gogh? Ad aiutarlo nel prendere fiducia nelle proprie capacità, ci sono state tante fonti di ispirazione di cui Van Gogh si è circondato e che il documentario analizza una a una: da Rembrandt a Millet, passando per gli Impressionisti francesi e i maestri delle stampe giapponesi.
Infine, uno speciale della serie Power of Art approfondisce la lettura di uno degli ultimi capolavori di Van Gogh, Campo di grano con volo di corvi, che potremo apprezzare fin nel dettaglio in compagnia dell’autorevole critico del New York Times, Simon Shama.

Commentate la serata sui sociali network con l’hashtag #GauguinVanGogh.

La curiosità – Tra i tanti “biografi” di Paul Gauguin, uno merita una citazione a parte: premio Nobel per la Letteratura, è il romanziere Mario Vargas Llosa, che ha dedicato alla vita del pittore e a quello della sua bisnonna il libro Il Paradiso è altrove.