Pavarotti a Verona, emozioni in mostra

29 aprile 2013


Più che una semplice mostra una vera e propria esperienza. L’ingresso virtuale nella magica atmosfera di un teatro d’opera, accompagnati dalla voce e dai ricordi di uno tra gli interpreti più amati di sempre. Memorabilia e cimeli di una carriera straordinaria, autografi e documenti unici, ma soprattutto, naturalmente, la musica. Quella esaltata dalla voce di Luciano Pavarotti, celebrato a Verona con una antologica che ne ripercorre l’eccezionale parabola artistica.

Ha amato in modo viscerale la città scaligera, nella cui Arena ha raccolto stupendi successi. Per Verona è dunque arrivato il tempo di ricambiare quell’affetto con “AMO Pavarotti”, esposizione accolta nelle nove sale dell’Arena MuseOpera di Palazzo Forti. Un appuntamento al centro di una nuova puntata de La mostra della settimana. Dalla progettazione all’inaugurazione, passando per l’allestimento: le telecamere di Sky Arte HD raccontano passo dopo passo la nascita dell’evento.

Una location elegante, seducente nella posa di quinte in velluto rosso che richiamano il sipario dei grandi teatri; la ricostruzione del camerino di Big Luciano, con la specchiera che è in realtà schermo su cui scorrono immagini dei suoi innumerevoli trionfi. Sontuosi gli abiti di scena, esposti in continuità con un ricchissimo repertorio fotografico che ritrae il maestro insieme a star del calibro di Eric Clapton, Bono e Bruce Springsteen.

Una scultura luminosa di Marco Lodola accoglie il pubblico all’ingresso della mostra; suggestione pura quella si respira nella sala dedicata al rapporto di complicità tra Pavarotti e il pubblico dell’Arena: dal soffitto calano più teli da proiezione, a costruire il fascino di un’esperienza immersiva senza precedenti. L’ambiente si riempie di immagini e musica, in un crescendo di emozione.