Pink Floyd. Ritorna la magia

20 novembre 2014


“Non ti rendi conto di quanto una cosa sia importate finché non la perdi”  ha dichiarato David Gilmour, vinto dalla malinconia per l’addio a Rick Wright, fedele compagno di strada nel corso di quella folle e straordinaria avventura chiamata Pink Floyd. La scomparsa dello storico tastierista della band lascia un vuoto incolmabile nella scena musicale internazionale; ma Rick – prima di lasciarci – ha scelto di farci un ultimo regalo.

Tutto parte là dove il filo si era interrotto, dai materiali registrati in occasione della nascita dell’album che, nel 1993, aveva sancito l’ultima uscita discografica della band: è con il nuovissimo The Endless River  che i Pink Floyd tornano sulla scena. Riprendendo in mano le trame melodiche firmate vent’anni fa da Wright e rimaste fuori da The Division Bell : non perché ritenute inadatte al progetto, anzi. Semmai perché considerate, fin da subito, così sublimi da meritare respiro più ampio.

Le telecamere di Sky Arte HD incontrano i Floyd rimasti, David Gilmour e Nick Mason, chiedendo loro di raccontare la genesi dell’album: ne nasce una chiacchierata illuminante, che non solo ci aiuta a entrare nel mood del loro capolavoro definitivo, ma che ha il merito di chiarire il modus operandi di una band tra le più influenti della storia del rock. Spiegandoci come l’intuizione esploda, fino a raggiungere la forma di una canzone.

Alla base di tutto c’è l’improvvisazione, con momenti che lo stesso Gilmour non esita a definire “magici” : un’estasi quasi sciamanica quella che portava il trio a jam session interminabili, da cui uscivano schegge di puro genio. Lasciate decantare come un vino prezioso, ed oggi distillate goccia a goccia in uno scorrere di un’irresistibile emozione. “The endless river / forever end ever”  canta Gilmour in High Hopes , brano che chiude The Division Bell . Evocando un flusso – un fluido! – che è tornado a correre impetuoso.

La curiosità – Nel 1994 escono Definitely Maybe  degli Oasis, Monster  dei REM e il leggendario live MTV Unplugged  dei Nirvana. Ma non c’è niente da fare: sarà The Division Bell , forte di 12 milioni di copie comprate nel mondo, a raggiungere lo status di album più venduto dell’anno in Italia. 


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close