In cerca di risposte, dallo Spazio profondo

31 Marzo 2016


Gli alieni ci guardano? Ci ascoltano? E che idea si sono fatti di noi? Questi sono solo alcuni degli interrogativi da cui prende le mosse The Visit, il film in prima visione in onda su Sky Arte HD venerdì 1 aprile. Diretta da Michael Madsen e vincitrice del Premio speciale Biografilm School al miglior film 2015, la pellicola indaga un argomento che da sempre affascina l’umanità: l’esistenza nell’universo di forme di vita diverse dalla nostra.

Girato come un fanta-documentario – basato su una finta storia vera che testimonia un evento mai realmente accaduto – il film propone uno scenario credibile rispetto al primo incontro fra la specie umana e forme di vita aliena. Rendendo la fiction ancora più realistica grazie al coinvolgimento senza precedenti di numerosi esperti e studiosi, dal Direttore dell’Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari dello spazio extra-atmosferico agli esperti della NASA a esponenti dell’ISU – International Space University, fino agli esperti del SETI – Search for Extraterrestrial Intelligence e ai consulenti dell’esercito.

Visti attraverso gli occhi di chi osserva il nostro pianeta per la prima volta, i suoni e le immagini che caratterizzano la vita quotidiana diventano improvvisamente bizzarri e straordinari, invitandoci a prenderli in considerazione da un punto di vista inedito. L’ipotesi di un confronto con la vita aliena, oltre a racchiudere speranze e paure, rappresenta anche un mezzo per riflettere sulla nostra identità. Completa il film una colonna sonora d’eccezione, che mescola Bach, Strauss, Stravinskij, Arvo Pärt e David Bowie, con la leggendaria, e azzeccata, Space Oddity.