Il ritratto di Leonardo

31 dicembre 2018


Correva l’anno 2008, quando uno studioso di storia medievale, impegnato in una serie di ricerche all’interno di un antico palazzo aristocratico di Salerno, si trovò fra le mani un dipinto a olio raffigurante un uomo con barba e cappello, la cui somiglianza con i ritratti di Leonardo da Vinci è strabiliante. Da queste premesse trae spunto Leonardo ‒ Il ritratto ritrovato, il documentario in onda martedì primo gennaio su Sky Arte.

La pellicola descriverà le varie fasi delle indagini condotte sull’opera, coinvolgendo prestigiose università italiane, centri di ricerca e persino il Reparto Investigazioni Scientifiche (RIS) dell’Arma dei Carabinieri, che ha svelato un importante elemento: sul dipinto è presente la stessa impronta digitale rilevata nel capolavoro leonardesco La dama con l’ermellino.

L’analisi della tavola e dei pigmenti, la datazione radiometrica e l’analisi grafologica sono solo alcune delle tecniche messe in campo per determinare l’identità del soggetto raffigurato nell’Autoritratto lucano, che potrebbe essere addirittura quello di Leonardo in persona.