L’arte urbana racconta il cinema

9 Novembre 2015


Quando il tessuto urbano delle città incontra la street art, l’impatto visivo è assicurato. I risultati di questo incontro esplosivo sono protagonisti del nuovo appuntamento con la serie MURO – curata da David Diavù Vecchiato e prodotta da Sky Arte HD e da Level 33, in collaborazione con Il Fatto Quotidiano.  La penultima puntata della saga – in onda domani sera in prima visione – alzerà il sipario sull’intervento di Gary Baseman durante la scorsa edizione del Giffoni Film Festival.

Figura cardine del pop-surrealismo californiano, per la seconda volta nella sua carriera Baseman si è dedicato alla realizzazione di un’opera “street”, sullo sfondo di Giffoni Valle Piana, la cittadina in provincia di Salerno ospite del celebre festival cinematografico per ragazzi. Non a caso, il coloratissimo progetto dell’autore losangelino racchiude una serie di rimandi alla settima arte, esplicitati da un vivace universo di citazioni filmiche.

Il variopinto pannello – divenuto un vero e proprio oggetto d’arte – è entrato a far parte della Multimedia Valley di Giffoni, confermando il carattere sempre più trasversale della creatività a impronta urbana, fatta di input quotidiani tradotti in un linguaggio artistico di grande immediatezza. Performer, designer e illustratore, Baseman è l’inventore di spunti iconografici unici, capaci di riunire la fantasiosa ingenuità dell’infanzia e il complesso universo dell’età adulta.

Commentate sui social network la speciale serata attraverso l’hashtag #MURO15.