La rivoluzionaria dello stile

10 Marzo 2016


Il suo nome è sinonimo di una vulcanica creatività e di un inossidabile senso dello stile, rimasti intatti nonostante i 94 anni compiuti. La protagonista di Iris, il documentario in onda venerdì 11 marzo in prima visione su Sky Arte HD, è colei che ha saputo rivoluzionare il mondo della moda e dell’interior design, superando qualsiasi definizione di genere.

Diretta dal compianto maestro del documentario Albert Maysles, la pellicola ripercorre la lunga storia di Iris Apfel, ancora oggi sulla cresta dell’onda con i suoi enormi occhiali tondi, gli accessori vistosi e il rossetto scarlatto. Nata a New York nel 1921, fu proprio nella Grande Mela che la Apfel intraprese la sua carriera di arredatrice di interni, cui seppe affiancare incursioni sempre più frequenti nell’universo della moda.

Nel 1948 sposò il pubblicitario Carl Patel e, insieme a lui, fondò la Old World Weavers. Fino al 1992, Carl e Iris contribuirono a rinnovare la tappezzeria di moltissime collezioni museali, ad esempio quella del Metropolitan Museum of Art, giungendo fino alla Casa Bianca. Viaggiatrice instancabile, Iris diventò una vera collezionista di tessuti e oggetti, che poi trasformava in capi di abbigliamento e gioielli.

Ammirata per il suo stile coraggioso e allergico alle regole, nel 2005 la Apfel è andata in scena, con le sue collezioni, al Metropolitan Museum e in altri musei statunitensi, nell’ambito della mostra Iris Patel, Rare Bird of Fashion, che, se possibile, ha reso ancora più globale la sua notorietà. Apparsa sulle pagine di Vogue, Harper’s Bazaar, PAPER e Dazed and Confused, l’instancabile Iris è anche diventata una delle modelle preferite di Bruce Weber, dimostrando che la creatività non conosce limiti.