La storia del Teatro No’hma

12 Ottobre 2020


Lo speciale Artbox in onda su Sky Arte martedì 13 ottobre racconta le vicende di un teatro che, accanto a una programmazione ricca e importante, ha anche una storia “sentimentale”. Spazio Teatro No’hma è stato fondato a Milano da Teresa Pomodoro ‒ regista, drammaturga, attrice ‒ alla fine degli anni Novanta come spazio dell’utopia, gratuito e inclusivo, e alla sua scomparsa, nel 2008, è stato rinnovato, nella continuità, dalla sorella gemella.

Livia Pomodoro è una donna combattiva, ex giudice del Tribunale dei Minori di Milano, ora teatrante di successo. È lei che ha insistito sull’apertura internazionale di questo teatro-piattaforma, sull’attenzione al nuovo, a tutto ciò che non è mainstream ed è la sua intervista a costituire l’ossatura del documentario Teatro No’hma – Il mondo in uno spazio.

Spazio Teatro No’hma ha saputo tener testa anche all’emergenza pandemia grazie alla pratica consolidata dello streaming, che aveva già iniziato a utilizzare nella stagione 2017 portando agli Inuit di un villaggio della Groenlandia la rappresentazione in atto a Milano in Via Orcagna.

Insieme a Livia Pomodoro, ad accompagnarci in questo viaggio dentro un teatro etico e portatore di valori saranno le voci di molti amici di No’hma (da Paolo Rossi a Maddalena Crippa, da Elena Bucci e Marco Sgrosso a Viola Graziosi), ma anche le testimonianze arrivate via videomessaggio dall’altra parte del mondo di registi malesi, cinesi, giapponesi, portoghesi.