Un tuffo nel Cinquecento genovese

13 Giugno 2016


Sette monumenti, sette siti, sette tesori italiani tutti da scoprire. Sono i protagonisti di Sette Meraviglie, la produzione originale realizzata in esclusiva per Sky Arte HD da Ballandi Arts che, dopo il successo delle precedenti due edizioni, torna con un nuovo ciclo di appuntamenti.

Un viaggio speciale tra arte, storia e natura condurrà il pubblico alla scoperta di altri sette grandi simboli del patrimonio artistico italiano. Attraverso immagini esclusive, realizzate con l’ausilio delle più moderne tecniche di ripresa, e di ricche illustrazioni storico-documentarie, alcuni fra i luoghi più emblematici del Belpaese si mostreranno agli spettatori, che potranno così vivere un’esperienza unica.

Il secondo episodio della serie inedita vedrà protagonisti Genova e i Palazzi dei Rolli. Siamo nel 1551 e la città ligure è una realtà ormai consolidata nell’ambito del commercio, una Repubblica Marinara che vanta ormai una tradizione secolare. Il Cinquecento, infatti, è il secolo che sancisce l’intenso rapporto commerciale tra Genova e la Spagna, permettendo ai genovesi, un tempo soltanto mercanti, di allargare i propri orizzonti professionali, diventando finanzieri, mediatori e banchieri. Alcune aree della città erano abitate da potenti dinastie di mercanti e di navigatori, che si insediarono in lotti a stretto controllo familiare.

È proprio su queste basi che fu edificata la Strada Nuova, un quartiere in cui presero vita meravigliosi palazzi, frutto degli affari portati a termine dalle famiglie più in vista della città. La Strada Nuova rappresentava uno dei complessi architettonici più stupefacenti dell’epoca. Un modello urbanistico preso ad esempio anche da altre città europee, tra cui Anversa, strettamente legata alla città ligure. Numerosi palazzi presenti nel nuovo quartiere furono inseriti in registri molto speciali, chiamati “Rolli”, che raggruppavano gli edifici più prestigiosi, tenuti ad accogliere i potenti ospiti della Repubblica durante le loro visite alla città.

Commentate sui social network la speciale serata attraverso l’hashtag #SetteMeraviglie.