Torino, una città da raccontare

15 Marzo 2016


Torino è una città affascinante, custode di itinerari storico-artistici dalle molteplici sfumature e direzioni. Il collettivo ConiglioViola ha saputo interpretare la città piemontese in maniera inedita, immaginandola come un grande libro da attraversare e da ricomporre, immergendosi tra le sue strade.

L’ambizioso progetto di arte pubblica messo a punto dal collettivo sarà protagonista di ConiglioViola – Le notti di Tino di Bagdad, l’approfondimento in onda mercoledì 16 marzo in prima visione su Sky Arte HD. Un vero e proprio esperimento partecipativo, ispirato all’omonimo romanzo scritto nel 1907 della poetessa espressionista tedesca Else Lasker-Schüler e incentrato sulle vicende di una principessa di Baghdad, che rinuncia alla vita per rendere la poesia immortale.

Fino al 30 novembre, ad alcune fermate dell’autobus torinesi resterà affissa una serie di particolari manifesti illustrati, predisposti a una fruizione in realtà aumentata, ottenuti dalla riproduzione in grande formato di tavole incise su rame, su cui gli artisti hanno trasposto la storia della principessa orientale. Fotografando le locandine con il cellulare, la app gratuita del progetto permette poi di visualizzare l’animazione del manifesto direttamente sul display dello smartphone.

Il fine ultimo è dare un seguito alla storia, spostandosi da una fermata all’altra. Non esiste un ordine prestabilito. Anzi, il pubblico è invitato a percorrere la città e a dare forma alla narrazione secondo il proprio libero arbitrio, diventando co-autore del racconto. Al termine del tour, inoltre, il pubblico potrà restituire la propria riscrittura della trama collegandosi al sito web del progetto, dando corpo a un procedimento teorizzato dalla letteratura combinatoria. La trama del libro si fonde così con la trama urbana, offrendo tante combinazioni narrative quanti sono gli itinerari possibili in città.