Furti ad arte

16 Dicembre 2016


Amata da generazioni di studiosi e da semplici appassionati, l’arte è da sempre un genere particolarmente ambito, anche da chi non dimostra le migliori intenzioni. Ruberie e scomparse sono fatti ricorrenti se si prendono in esame le meraviglie artistiche sparse per il mondo. Proprio a questi “casi” è dedicata la speciale serata tematica Arte del furto, in onda domenica 18 dicembre su Sky Arte HD.

L’episodio della serie Muse Inquietanti dedicato al furto della Gioconda narrerà la storia della clamorosa scomparsa dal Museo del Louvre del capolavoro leonardesco per eccellenza. Correva l’anno 1911 e ben presto le indagini condussero a Vincenzo Peruggia – un insospettabile imbianchino originario di Varese, entrato tra le file dei manovali assunti dal prestigioso museo –, svelando le profonde ragioni patriottiche del suo gesto…

A seguire, Caravaggio e la mafia, un altro episodio della serie condotta da Carlo Lucarelli, ci porterà indietro nel tempo, a quel fatidico 17 ottobre 1969, quando venne sottratta dall’Oratorio di San Lorenzo a Palermo la grandiosa Natività con i Santi Lorenzo e Francesco d’Assisi dipinta da Caravaggio. A tale vicenda, tuttora rimasta irrisolta, si susseguì una catena di ipotesi, congetture, probabili depistaggi e addirittura testimonianze di criminali pentiti. Ma la verità resta un mistero.

La tela trafugata tornerà protagonista di Operazione Caravaggio, che, oltre a narrare le intricate vicende della straordinaria opera del Merisi rubata a Palermo, seguirà da vicino l’incredibile rifacimento del capolavoro caravaggesco a opera del team di esperti della Factum Arte di Madrid.

Chiuderà la serata Follow the paintings, il documentario in prima visione trasmesso in simulcast con Sky Atlantic, che indaga il mercato dell’arte, i suoi silenzi e le sue reticenze sugli investimenti opachi di mafiosi e criminali. Il riciclaggio di denaro sporco in questo settore è infatti un problema internazionale, noto agli esperti ma raramente affrontato. Quest’inchiesta lo esplora per la prima volta attraverso due casi concreti, italiani. Il primo riguarda le tracce che legano la criminalità romana, l’eversione nera e l’arte contemporanea, in particolare nella figura di Gennaro Mokbel fino ad arrivare a Massimo Carminati. Fra regali e “regole del gioco”, offshore e grandi inaugurazioni. Il secondo riguarda gli utili della ‘ndrangheta a Milano riciclati sfruttando tele seicentesche, descritti da uno dei mediatori coinvolti in quell’operazione, fondatore di un trust d’investimento specializzato in arte. A queste vicende si intrecciano le domande rivolte ad attori del mercato ed esperti in tutta Europa. Le loro risposte sono attraversate da immagini che evocano gli inaccessibili freeport dove vengono tenute le opere, le fiere in cui vengono esposte e la costruzione di tele grezze alle aste dove vengono battute.

Commentate sui social network la speciale serata attraverso l’hashtag #ArteDelFurto.