La fisica secondo Ettore Majorana

17 Maggio 2019


È incentrato sulla sparizione di uno dei più noti fisici italiani il documentario Ettore Majorana ‒ L’uomo del futuro, condotto da Federico Buffa, in onda sabato 18 maggio su Sky Arte.
Facendo appello al suo talento di storyteller, Buffa evocherà la storia di Majorana, catanese di origine, classe 1906, impegnato, durante la prima metà del secolo scorso, nel campo della fisica nucleare, della teoria dei neutrini e dell’antimateria. Suddiviso in cinque parti, il focus darà voce a esperti di fama internazionale, che approfondiranno le vicende di Majorana, scomparso il 25 marzo 1938.

Il racconto prenderà forma nella cornice del Teatro di Como, dove è allestita la scenografia dell’opera lirica Ettore Majorana: cronache di infinite scomparse, che trasforma il palcoscenico e la platea nel ponte di una nave uguale a quella su cui salì Majorana prima di sparire nel nulla, accompagnando le parole di Buffa con proiezioni video in tempo reale.

Fabiola Gianotti, fisica e direttrice generale del CERN, chiarirà l’apporto di Majorana agli studi scientifici della sua epoca, mentre Salvatore Majorana, nipote di Ettore, e il professor Erasmo Recami, considerato il maggior esperto del fisico catanese, ne ripercorreranno la biografia. Toccherà a Giorgio Dragoni e Stefano Roncoroni analizzare le dinamiche della sua scomparsa e il procuratore Pier Filippo Laviani, la figlia di Francesco Fasani e il professor Recami esamineranno le informazioni relative alla presunta emigrazione di Majorana in Venezuela dopo la sua sparizione.

Tra i preziosi contributi presentati nel documentario, anche quello del professor Shoucheng Zhang, docente di fisica teorica all’Università di Stanford, ovvero l’uomo che ha studiato e scoperto le evidenze circa l’esistenza del “fermione di Majorana” e che si dice convinto che il fisico catanese sia un “genio italiano paragonabile solo a Leonardo da Vinci”.