Teatro e visioni

18 Novembre 2020


La terza puntata della serie Sipario! Storie di teatro, in onda su Sky Arte mercoledì 18 novembre, si intitola Le Visioni e racconta il lavoro di alcuni registi dal grande potere immaginifico e visuale, capaci di sovvertire qualsiasi convenzioni realistica e di fare della scena una macchina di comunicazione totale.

Si inizia con un riferimento al testo del drammaturgo della Germania est Heiner Müller, Hamletmachine del 1977. Dopo avere lamentato la scomparsa di Amleto, Müller lo vede all’improvviso nella folla di una manifestazione: è un dimostrante che tira i sassi ai poliziotti e al tempo stesso è il poliziotto dentro al blindato. Dimostrazione di come una visione potente possa riattivare il ruolo rappresentativo del teatro.

Segue un servizio su Romeo Castellucci e il suo teatro ipnotico e inquietante, con interventi sullo storico Giulio Cesare del 1997 e sull’ultimo lavoro, Vita Nuova del 2020; poi a finire sotto i riflettori sarà Bob Wilson, con il racconto dello spettacolo Odyssey, e una sezione dedicata alla sua poetica della luce; e ancora un altro regista fortemente visuale, Giorgio Barberio Corsetti, che ricorda i tempi della collaborazione con Studio Azzurro e gli spettacoli realizzati insieme agli artisti di circo.

Il capitolo finale è incentrato sui lavori itineranti dei tedeschi Rimini Protokoll, il cui tratto visionario si riscontra nel totale ribaltamento del ruolo dello spettatore, che diviene parte del paesaggio urbano, osservatore e al tempo stesso osservato. Non mancheranno gli interventi, le opinioni e i ricordi di Oliviero Ponte di Pino, Lino Guanciale, Luigi Lo Cascio, Federica Fracassi, Toni Servillo, Antonio Latella e Andrée Ruth Shammah.

Il contenuto della puntata sarà disponibile per tutti sul video portale di Sky allo stesso orario della messa in onda su Sky Arte e per l’intera settimana successiva.


TAG >