Una giornata con la fotografia

18 agosto 2017


Il 19 agosto ricorre il World Photo Day e per l’occasione anche Sky Arte HD rende omaggio all’arte dello scatto con uno speciale palinsesto che, dal pomeriggio alla sera inoltrata, accompagnerà il pubblico in un viaggio attraverso l’obiettivo.

Quattro episodi tratti dall’ultima stagione di Master of Photography, il talent dedicato alla fotografia con il premio più cospicuo al mondo: 150.000 euro, ci farà rivivere le imprese dei dodici concorrenti, amatori e professionisti, arrivati da tutta Europa per affrontare ogni settimana una sfida diversa e dimostrare il loro valore tecnico e artistico, misurandosi con vari stili fotografici. Gli scatti dei concorrenti sono stati valutati da una giuria di tre esperti conosciuti in tutto il mondo: il “nostro” Oliviero Toscani, Darcy Padilla, vincitrice di tre World Press Photo, e Caroline Hunter, picture editor del Guardian Weekend Magazine, cui è spettato il compito di decretare il nuovo Master Of Photography. Non sono mancati gli ospiti speciali, maestri dell’obiettivo invitati a mettere la propria esperienza al servizio dei concorrenti, orientandoli nelle loro scelte.

Sarà proprio uno dei giudici, Oliviero Toscani, a guidarci verso la prima serata, Alla ricerca di Vivian Maier, l’incredibile artista dello scatto americana scoperta solo tardivamente da John Maalof, agente immobiliare con la passione per l’obiettivo. Il documentario riannoderà i fili della memoria, seguendo a ritroso le labili tracce lasciate da un’artista sfuggente, schiva, quasi invisibile. Eppure tanto presente nella vita del suo tempo da esserne testimone fedelissima, sensibile interprete di un mondo che non c’è più.

A seguire andrà in onda la finale della seconda stagione di Master of Photography, intitolata Racconto di un popolo. I finalisti sono stati invitati a presentare da tre a cinque fotografie, scattate durante 12 ore e capaci di veicolare uno sguardo inedito o particolarmente significativo su una minoranza etnica europea o dell’area mediterranea. Almeno una delle immagini presentate doveva essere un ritratto, mentre l’altra doveva raccontare il legame fra i soggetti e l’ambiente che li circonda e come questo sia influenzato dalla presenza dell’uomo. A fare da guida ai finalisti, un fotoreporter senza eguali, il celeberrimo Steve McCurry.

Lo speciale dedicato alla Giornata Mondiale della Fotografia si concluderà con il documentario Robert Doisneau – La lente delle meraviglie, l’omaggio della nipote, nonché scrittrice, giornalista ed editrice, Clémentine Deroudille al fotografo scomparso nel 1994. Grazie a un corposo archivio di immagini, interviste agli amici e colleghi e a rarissimi video di repertorio, il film promette un ritratto a tutto tondo di Robert Doisneau, la cui fama è legata a scatti entrati nella storia della fotografia come il famosissimo Bacio davanti all’hotel De Ville, svelando un approccio “umanistico” all’arte dello scatto.

Commentate sui social network la speciale giornata utilizzando l’hashtag #WorldPhotoDay.