Ennesima. Cinquant’anni di creatività in mostra

29 febbraio 2016


Inaugurata lo scorso novembre, la mostra allestita al primo piano de La Triennale di Milano si è rivelata uno degli eventi espositivi più acclamati e discussi della stagione. L’omonimo approfondimento, in onda mercoledì 2 marzo su Sky Arte HD, ci accompagnerà alla scoperta di Ennesima. Una mostra di sette mostre sull’arte italiana, a cura di Vincenzo de Bellis e visitabile fino al prossimo 6 marzo. Una rassegna composta di sette mostre satellite distinte, incentrate sugli ultimi cinquant’anni di creatività nostrana.

Più di 120 opere e oltre 70 artisti guidano il pubblico lungo un viaggio che prende il via all’inizio degli anni Sessanta e fa capolinea ai giorni nostri. Il titolo dell’iniziativa si ispira a Ennesima (appunti per la descrizione di sette tele datate 1973), l’opera di Giulio Paolini suddivisa nel medesimo numero di “anime” che compongono la rassegna milanese.

Sette progetti espositivi autonomi illuminano un periodo concitato come quello della recente storia artistica italiana, analizzata anche in base ai modelli di allestimento adottati nell’ultimo cinquantennio. Dalla mostra personale all’installazione site-specific, dalle collettive cronologiche e tematiche alla rassegna documentaria, il formato dell’esposizione diventa strumento essenziale per veicolarne i contenuti.

Ennesima offre agli spettatori una gamma di possibili approcci al contemporaneo, lasciando emergere la varietà di interpretazioni fornite dagli artisti nel corso delle epoche. Mario Merz, Franco Vaccari, Gianfranco Baruchello, Maurizio Cattelan, Mario Airò e Lara Favaretto sono solo alcuni dei grandi protagonisti in scena a Milano, testimoniando l’incredibile vitalità di un’appassionante era creativa.

[Immagine in apertura: Alessandro Pessoli, Figure che aspettano, 2014, panca in acciaio, ceramiche smaltate, 118 x 189 x 74 cm, Courtesy Xavier Hufkens Gallery, Brussels]