Un tour lungo lo Stivale

20 Maggio 2016


È un viaggio tutto italiano quello che Sky Arte HD regalerà ai suoi spettatori per l’intera giornata di sabato 21 maggio. Un Italian Tour attraverso alcuni fra gli scorci paesaggistici più incantevoli dello Stivale, in una ricognizione dal nord al sud della penisola e viceversa.

L’appuntamento sarà all’area di servizio Piave Ovest, all’uscita autostradale di Conegliano, punto di partenza dell’episodio di Sei in un Paese Meraviglioso dedicato al Veneto. Attraverseremo la Marca trevigiana in compagnia di Gian Antonio Stella, giornalista e scrittore nativo di Asolo, che ci guiderà alla scoperta di questo splendido borgo, per secoli meta ambita di poeti, artisti e intellettuali. La seconda tappa sarà “diffusa” sul territorio, perché costituita dal gruppo delle storiche Ville Palladiane: un paesaggio architettonico che, concepito dall’architetto Andrea Palladio nel corso del Cinquecento, il mondo intero ci invidia in quanto espressione massima della capacità rinascimentale di coniugare ambiente e dimensione umana, le bellezze della natura e quelle dell’arte.

Resteremo in Veneto con la puntata di Sette Meraviglie che ci farà scoprire una storia nella Storia: le vicende della Basilica di San Marco. Ora cattedrale della città lagunare, le sue origini risalgono quasi alla fondazione di Venezia stessa e il suo aspetto è mutato nel corso dei secoli grazie a una serie di ampliamenti e ricostruzioni, testimoni del suo sviluppo e della sua gloria.

Padova è invece la culla di un altro gioiello architettonico e artistico, la Cappella degli Scrovegni, protagonista di un nuovo episodio di Sette Meraviglie. Affrescata da Giotto, approdato nella città veneta sul fare del Trecento, la cappella costituisce uno dei più fulgidi esempi della fusione tra lo spazio architettonico reale e quello della rappresentazione pittorica, grazie a un ciclo di affreschi divenuto leggendario.

Spostandoci in Lombardia, sarà poi la volta di un’altra tappa inserita nel prestigioso patrimonio UNESCO, celebrata da Sette Meraviglie – Mantova. Riflettori puntati su Palazzo Te, voluto da Francesco II Gonzaga, capolavoro di ingegneria civile e realizzato su un’area strappata con tenacia alle paludi generate dal fiume Rio. Stupendo saggio architettonico del geniale Giulio Romano, autore anche dei suoi famosi affreschi.

L’episodio di Sei in un Paese Meraviglioso incentrato sulla Lombardia ci condurrà sul Lago di Como dove Alessandro Manzoni ha ambientato una delle più note storie di amore, devozione e integrità morale. Sempre lungo il Lago, ci sposteremo poi fino a raggiungere il capo opposto. Qui ci aspetterà il cantautore Eugenio Finardi che, discendendo da un’antica famiglia lombarda, ci farà da informatissimo cicerone di Villa Carlotta.

A Milano il protagonista assoluto sarà il Cenacolo leonardesco. Monumentale capolavoro realizzato dal maestro toscano, nella chiesa di Santa Maria delle Grazie, il Cenacolo è stato recentemente interessato da un importante intervento di conservazione e valorizzazione del dipinto murale, grazie a un innovativo sistema di illuminazione.

Rimarremo in tema di Rinascimento con il docu-dramma Michelangelo – Il cuore e la pietra, che riporterà in vita il tormento e il genio di Michelangelo Buonarroti, l’autore di uno dei capolavori dell’arte italiana: la Cappella Sistina. Guidati dalla voce narrante di Giancarlo Giannini, osserveremo da vicino un maestro senza tempo.

A seguire sarà il turno di un altro grande capolavoro italiano, la cui storia resta un vero e proprio rompicapo per gli storici dell’arte contemporanei, la Natività con i Santi Lorenzo e Francesco d’Assisi. Operazione Caravaggio, l’affascinante produzione Sky Arte HD, ripercorrerà le intricate vicende della straordinaria tela di Caravaggio. Rubata a Palermo nel 1969 e mai più ritrovata, l’opera è stata oggetto di un incredibile rifacimento, a opera del team di esperti della Factum Arte di Madrid.

Il viaggio lungo lo Stivale riprenderà dall’area di servizio di Bevano Ovest, per una nuova puntata di Sei in un Paese Meraviglioso. In Emilia Romagna andremo alla scoperta di Cesena, a lungo dominata dalla famiglia Malatesta, e poi ci lasceremo guidare da Gaetano Curreri verso il suo paese d’origine, Bertinoro, a due passi dalla Via Emilia.

La destinazione successiva sarà Ravenna, un’altra delle Sette Meraviglie scelte fra i luoghi UNESCO, dove i preziosi mosaici del Mausoleo di Galla Placidia e la calotta absidale di Sant’Apollinare in Classe ci aiuteranno a far luce su tecniche antiche, capaci di mantenere il proprio appeal anche in epoca contemporanea.

Una sosta ristoratrice ci permetterà di rinfrancare fisico e mente con due episodi di Cult FOOD, un viaggio tra i segreti della cucina nostrana attraverso il sempre azzeccato connubio tra cibo e arte.

Firenze e gli Uffizi 3D – Viaggio nel cuore del Rinascimento ci mostrerà il capoluogo toscano da un emozionante punto di vista, quello della terza dimensione. Il film si snoda attraverso 150 opere d’arte e 10 location simbolo della Firenze rinascimentale: dalla Cappella Brancacci alla Cupola del Brunelleschi, da Palazzo Vecchio alle Gallerie dell’Accademia, sino agli Uffizi, fulcro del film. A guidarci sarà la voce dell’attore inglese Simon Merrells che, nel ruolo di Lorenzo il Magnifico, racconterà la “sua” Firenze, creando appassionanti rimandi tra passato e presente.

Restando a Firenze, protagonista di Sette Meraviglie, Botticelli – La nascita di Venere evocherà la frizzante e dinamica corte di Lorenzo il Magnifico, in seno alla quale l’opera ha preso vita. Una delicatissima complessità attraversa in modo trasversale l’intero dipinto, intrecciando i fili di un profondissimo piano allegorico. Dove nulla è lasciato al caso e ogni dettaglio tradisce in realtà maturi riferimenti concettuali.

Da Firenze alla Capitale il passo è breve. Approderemo nel cuore di Roma, in quella Piazza San Pietro che Il colonnato del Bernini abbraccia, nemmeno troppo simbolicamente. Il documentario testimonierà lo straordinario processo di restauro che ha coinvolto le quasi trecento colonne e le centoquaranta statue erette nella piazza più famosa d’Italia. Un’impresa titanica, svelata grazie a immagini di incredibile suggestione.

Una disputa passata alla Storia animerà poi il documentario Bernini e Borromini – i 50 anni che sconvolsero Roma, documentario che racconta la verità su uno tra i rapporti più tormentati e drammatici mai vissuti nella Storia dell’arte.

E come abbandonare la Capitale senza prima aver reso omaggio a uno dei suoi monumenti più iconici? L’episodio di Sette Meraviglie dedicato a Roma ci regalerà un imperdibile ritratto dell’acclamatissimo Colosseo. Simbolo eterno della città, l’edificio è stato identificato come tale sin dall’Alto Medioevo: il cronista inglese Beda fu il primo ad annotare come la resistenza dell’anfiteatro alle guerre e alle devastazioni, susseguitesi alla disfatta dell’Impero, rispecchiasse perfettamente lo spirito di reazione dell’intera città.

Un altro simbolo del potere imperiale è al centro del documentario Domus Aurea. Grazie a immagini mozzafiato, scopriremo i segreti di un luogo unico nel suo genere. Finalmente riportato al suo splendore originario grazie a un lungo e accurato restauro, questo inestimabile tesoro artistico è testimone della ricchezza e della raffinatezza raggiunte dalla civiltà romana.

Il segreto di Monna Lisa regalerà al nostro itinerario un’emozionante sosta, approfondendo i misteri legati all’enigmatica donna raffigurata da Leonardo. Un soggetto che, a quanto pare, aveva davvero qualcosa da nascondere: una relazione clandestina con un membro della famiglia de’ Medici. È forse possibile che la Gioconda sorrida a un figlio segreto, eternando il suo affetto per lui nel capolavoro leonardesco?

Il viaggio verso Sud riprenderà con Pompei – Eternal Emotion il cortometraggio di Pappi Corsicato. Nato come video promozionale per conto della Regione Campania, il breve film si è rivelato presto un capolavoro capace di concorrere in diversi festival internazionali.
L’approfondimento I bronzi di Riace ci guiderà alle radici di un capolavoro millenario: le due statue in bronzo emerse dai fondali del mare di Riace nel 1972. Preservate dalle acque, le due statue greche risalenti a 2500 anni fa continuano a essere al centro di un’indagine serrata per stabilirne l’effettiva provenienza, tra mistero e storia.

Andrà poi in onda, in prima serata e in prima visione, l’episodio di Italie Invisibili dal titolo Lo Stato dei Presidi e la Maremma. Territorio paludoso, malarico e aspro, poco o per nulla adatto ad essere abitato, che grazie alla costanza e all’ingegno umano diventa fonte di ricchezza, cultura e una sintesi felice che verrà ritratta anche da Giovanni Fattori. Lo esploreremo partendo dalle torri spagnole dello Stato dei Presidi di Monte Argentario, dove Forte Filippo, la Fortezza Spagnola, Forte Stella furono costruiti per proteggere da pirati e nemici francesi. Tra le altre testimonianze delle guarnigioni straniere, rimangono le lapidi della Chiesa di San Francesco da Paola. Le bonifiche iniziarono nell’Alto Medioevo, con i Cistercensi, nei dintorni dell’Abbazia di San Rabano, e culminarono nel XVIII secolo, quando l’ingegnere Leonardo Ximenes fece costruire la casa rossa di Castiglion della Pescaia che porta il suo nome e che serve per irreggimentare le acque. Massa Marittima, invece, è uno dei pochissimi comuni della Maremma che, nel Medioevo, era talmente ricco da commissionare a Duccio di Buoninsegna e Ambrogio Lorenzetti due delle Maestà più illustri del Trecento. Questa ricchezza derivava dallo sfruttamento delle colline metallifere da cui si estraggono l’argento e il ferro, che indurranno Siena a porre fine alla indipendenza massetana.

L’altro episodio di Italie Invisibili ci riporterà al Nord, alla scoperta de La Riviera del Brenta e le Ville Venete, in un percorso antico che unisce Padova e Venezia, popolato da palazzi e ville della Serenissima all’epoca in cui la nobiltà locale ripiegò verso la campagna, vista come un’importante risorsa all’indomani della scoperta dell’America, che aprì nuovi mercati marittimi.

Un ennesimo salto al Sud e saremo a Pompei. Cosa accadde, precisamente, in quel giorno del 79 d.C.? A rispondere sarà il documentario Pompei – La città sospesa nel tempo, con perizia scientifica. Non aspettatevi la classica lezione di archeologia, quanto piuttosto una vera e propria investigazione condotta sui calchi delle vittime stesse dell’eruzione, sorprese nelle loro attività quotidiane da quella cenere incandescente che ne riporterà fedelmente le forme.

Sarà nuovamente tempo di Sette Meraviglie, con un poker di luoghi eccezionali, Urbino e il suo storico Palazzo Ducale, voluto dalla dinastia dei Montefeltro, I Sassi di Matera, dichiarati Patrimonio dell’Umanità nel 1993, emblema di una città unica, Agrigento, ideale confine tra Grecia e Italia e parco archeologico più esteso al mondo e Siracusa, la Pentapoli, con le sue leggendarie vestigia della civiltà mediterranea.

La lunga giornata si avvierà poi al termine con un altro episodio di Sei in un Paese Meraviglioso. A partire da Alento Ovest attraverseremo la regione abruzzese dalla montagna fino al mare, alla scoperta delle “Lisce” e dei “Trabocchi”, e poi guarderemo al Belpaese da un punto di vista originale e contemporaneo, in compagnia di Street Art – Viaggio in Italia. Sarà uno dei poeti italiani per eccellenza a chiudere l’Italian Tour, protagonista de Il mistero di Dante.

Commentate sui social network la speciale giornata utilizzando l’hashtag #ItalianTour.