Gli ebrei e la storia recente

22 ottobre 2018


Nonostante siano trascorsi ormai ottant’anni dalla promulgazione delle leggi razziali fasciste, il tema della persecuzione delle minoranze resta un argomento tragicamente attuale. A un doloroso capitolo della Storia recente e alle vicissitudini del popolo ebraico Sky Arte dedica la serata di martedì 23 ottobre.

Il focus prenderà le mosse dal film 1938 Diversi ‒ Le leggi razziali del fascismo, diretto da Giorgio Treves e presentato alla scorsa Mostra del Cinema di Venezia, dove ha ricevuto la menzione speciale dalla giuria dell’HRNs Award ‒ Premio Speciale per i Diritti Umani. La pellicola contribuisce a mantenere ben vivo nella memoria collettiva il ricordo di quei tragici eventi, con l’obiettivo di scongiurarne il ripetersi. In particolare, il film rivela i sottili meccanismi di persuasione messi in atto dal fascismo attraverso l’operato del Ministero della Cultura Popolare (MinCulPop), centro direttivo della propaganda di regime, che, ricorrendo ad articoli, fumetti e vignette, trasformò, nell’arco di pochi mesi, gli ebrei dapprima in “diversi” e poi in veri e propri nemici della nazione. Testimoni diretti e ricostruzioni in animazione restituiscono la memoria di alcuni episodi di discriminazione e umiliazione realmente accaduti.

A seguire il documentario Einstein e la relatività ‒ Una storia singolare svelerà i retroscena della rivoluzionaria teoria messa a punto dal Albert Einstein, vittima, durante la sua esistenza, di numerosi attacchi antisemiti. Uno degli aspetti più incredibili che accompagnano la teoria della relatività è che, nonostante la portata dirompente, essa sia stata ritenuta indiscutibile solo a partire dagli anni Settanta del secolo scorso. Esperti e studiosi, tra cui il fisico e divulgatore italiano Carlo Rovelli, guidano il pubblico alla scoperta dei luoghi in cui la teoria fu sperimentata e sviluppata, dimostrando quanto essa continui a porre in discussione i concetti di spazio e tempo.

Commentate sui social network la speciale serata attraverso l’hashtag #1938Diversi.