In ricordo di Lindsay Kemp

24 Agosto 2020


Lindsay Kemp, ballerino, mimo, coreografo, regista, è stato un’icona della danza contemporanea. Martedì 25 agosto, a due anni dalla scomparsa, Sky Arte gli rende omaggio con la proiezione del documentario Kemp – My best dance is yet to come.

Sperimentatore eccentrico e provocatorio, Kemp è stato fonte d’ispirazione per altrettante grandi personalità, che vanno ben oltre i suoi campi d’azione. Ne è un esempio l’influenza esercitata sulla musica di David Bowie e Kate Bush e anche sul cinema dell’amico e genio dell’avanguardia inglese Derek Jarman.

Il documentario racconta l’ultimo anno di vita di Lindsay Kemp a Livorno, sua città d’elezione, tra memorie e tentativi di mettere in scena il suo ultimo spettacolo dedicato a Nosferatu. Il regista Edoardo Gabbriellini ha chiarito gli intenti della pellicola da lui diretta: “L’idea è stata quella di mischiare più linguaggi (con materiali d’archivio e non solo) che si sviluppano attorno a una lunga conversazione sul divano nella sua casa di Livorno; da cui Kemp ripercorre in modo libero e intimo alcuni momenti della sua vita e della sua carriera. Il ritratto vuol essere il richiamo suggestivo a un artista, per aver voglia di saperne di più e poterlo riscoprire”.