Il caso Elena Ferrante

27 Dicembre 2017

Ferrante Fever

Eccezionale caso letterario esploso nel 2013, Elena Ferrante, la misteriosa autrice del ciclo di romanzi inaugurato dall’ormai celeberrimo L’amica geniale, è il cuore pulsante del documentario Ferrante Fever, in onda su Sky Arte HD giovedì 28 dicembre.

L’identità della Ferrante continua a restare un enigma: le uniche notizie emerse riguardano le sue origini napoletane e le poche notazioni biografiche contenute ne La frantumaglia, una sorta di Zibaldone che raccoglie i pensieri, le lettere e le parole che hanno accompagnato il lavoro della scrittrice a partire dal 1992. E proprio da La frantumaglia sono tratte alcune delle letture che percorrono il film diretto da Giacomo Durzi, prodotto da Malìa in collaborazione con Rai Cinema, MiBACT, Sky Arte, e QMI.

Oltre a quella di Anna Bonaiuto, interprete de La frantumaglia, la voce della scrittrice americana Elizabeth Strout darà forma al 51esimo capitolo della Storia di chi fugge e di chi resta, mentre Michael Reynolds, Roberto Saviano, Nicola Lagioia, Jonathan Franzen, Roberto Faenza e Giulia Zagrebelsky sono solo alcuni dei grandi nomi invitati a parlare della Ferrante.

Amatissima oltreoceano ‒ dopo che il severo critico letterario James Wood recensì L’amica geniale per il New Yorker in termini entusiastici ‒ Elena Ferrante ha scalato anche le vette delle classifiche europee e italiane. Non sono mancate le critiche, spesso molto dure, in merito al suo desiderio di non rivelare la propria identità, ma polemiche e dissensi non hanno minato la sua ascesa al successo. Il documentario è un tentativo di raccontare l’autrice attraverso le sue parole, dando vita sul grande schermo a un immaginario che ha affascinato milioni di lettori.