Maria Callas, la divina

27 Maggio 2016


La sua voce è entrata nell’empireo della musica novecentesca, contribuendo a rendere l’Opera un genere davvero coinvolgente. La protagonista della Callas Night in onda sabato 28 maggio su Sky Arte HD è conosciuta in tutto il mondo per le sue ineguagliabili doti canore, che l’hanno resa un soprano fra i più celebri di sempre.

Eppure la musica non fu l’unica passione della cantante. L’episodio di Artists in Love in apertura di serata ripercorrerà l’avvincente storia di Maria Callas e Aristotele Onassis. Nata a New York nel 1923 da una famiglia di origine greca, Maria Callas inseguì la propria passione verso la musica lirica sin dall’infanzia. Il divorzio dei genitori la condusse in Grecia, dove la sua carriera prese il volo. Fu l’Italia, però, a regalarle il successo, trasformandola nella Diva osannata ancora oggi. E fu nel Belpaese, a Verona, che la Callas conobbe Giovanni Battista Meneghini, destinato a diventare suo marito nel 1949. Il matrimonio non ingranò, complice il travolgente incontro della Divina con Aristotele Onassis, armatore greco milionario, conosciuto a bordo del suo yacht ancorato a Venezia. Nel 1959, all’apice della fama come soprano, la Callas pose fine al matrimonio con Meneghini, iniziando una burrascosa relazione con Onassis, che contribuì a mettere a repentaglio una carriera sfolgorante. Passionale e distruttivo, il rapporto fra i due minò la qualità delle esibizioni canore della Callas. Quando Onassis decise di lasciarla – preferendole Jacqueline Kennedy, vedova del Presidente degli Stati Uniti d’America – il declino fu inesorabile. Ritiratasi dalle scene, Maria Callas morì il 16 settembre 1977, a 53 anni, dopo una vita di successi fulminei e passioni turbolente.

L’approfondimento Extra Art ci condurrà negli Abbey Road Studios di Londra, mecca del rock eternata nel nome dei Beatles: è qui che procede il certosino lavoro di rimasterizzazione delle incisioni della soprano, ripulite dalla patina del tempo e restituite al loro antico, squillante e ammaliante splendore. L’occasione è propizia per un ricordo della diva, scritto grazie ai ricordi di chi le è stata vicino nei momenti del trionfo e in quelli più difficili: partendo da Giovanna Lomazzi, amica di una vita e confidente, spalla su cui piangere nei non rari momenti di difficoltà e sua prima sostenitrice.

La rivalità sarà invece il fulcro dell’episodio di Face to Face dedicato alla nemesi artistica di Maria Callas, l’italiana Teresa Tebaldi, che ha conteso alla cantante greco-statunitense il Teatro Alla Scala di Milano e le maggiori ribalte del mondo intero. La tigre e la colomba, così possono sintetizzarsi le due primedonne della lirica di metà Novecento. Maria Callas ha avuto l’incredibile pregio di rendere popolare la musica lirica, ma era davvero sua la migliore voce in circolazione? Avremo modo di scoprire come le due dive vantassero entrambe indiscutibili punti di forza: la coloratura e l’interpretazione teatrale per la Callas, la purezza delle note più acute e la potenza del registro basso nel caso della Tebaldi. A spiegarci meglio queste e altre differenze, tra le leggendarie personalità delle due soprano, un cast eccezionale di profondi conoscitori della lirica: dal direttore Riccardo Muti, che è stato anche un caro amico di Teresa Tibaldi, alle cantanti Diana Damrau e Patricia Petitbon.

Commentate anche voi la serata sui social network grazie all’hashtag #CallasNight.