Bosch e il giardino dei sogni

29 Maggio 2019


Le atmosfere evocate da Il Giardino delle Delizie Terrene, il trittico dipinto dall’enigmatico Hieronymus Bosch, sono al centro del docufilm Il giardino dei sogni, in onda su Sky Arte giovedì 30 maggio, diretto da José Luís López Linares e dedicato a uno degli artisti più noti di sempre

Complice la scarsità di informazioni sull’esistenza di Bosch, negli ultimi cinquant’anni sono state avanzate varie interpretazioni relative alle sue opere, mescolando ipotesi che spaziano dall’esoterismo all’universo alchemico. Il Giardino delle Delizie Terrene è un dipinto che può generare piacere e costernazione nell’osservatore comune, ma anche chiarire a un occhio più esperto una serie di rimandi e simboli che affondano le radici nel mostruoso e nel macabro, nel fantastico e nel demoniaco.

Gli interventi di artisti, scrittori, filosofi, musicisti e scienziati del calibro di Salman Rushdie, Orhan Pamuk, Cees Nooteboom, Miquel Barceló e Ludovico Einaudi arricchiscono la trama narrativa della pellicola. Senza dimenticare drammaturghi, illustratori, neuroscienziati e, ovviamente, storici dell’arte quali Pilar Silva e Xavier Salomon.

Ancora numerosi misteri avvolgono il dipinto, ma allo stesso tempo alcuni elementi rimangono inequivocabili: un’azione complessa, colori brillanti, la fusione tra commedia e tragedia e un mix di intrigo, peccato, vita, morte e, forse, anche redenzione. Il documentario è dedicato ai misteri di un’opera sfuggente, capace, però, di toccare le corde più profonde.