La primavera elettronica di Spring Attitude

4 Dicembre 2015


Musica e arte sono i due ingredienti essenziali di un evento annuale dedicato alla club culture, trasformatosi rapidamente in un vero e proprio Festival Internazionale di Cultura Contemporanea. Nato e cresciuto a Roma, nel 2015 è giunto alla sua sesta edizione. Stiamo parlando dello Spring Attitude, protagonista dello speciale in onda stasera in prima visione su Sky Arte HD.

Una vera e propria primavera elettronica che ogni anno si rinnova nella costante ricerca del nuovo, di un altrove artistico che porti a esiti entusiasmanti, in grado di allineare Roma alle grandi capitali internazionali come Londra, Berlino, Barcellona, New York. Sempre più al confine tra le varie discipline artistiche, il festival si propone di raccontare il mondo contemporaneo attraverso un linguaggio che mescola musica, visual art, performance e tecnologie digitali.

Insieme ai migliori artisti, performer, visual designer e compositori di musica elettronica che ogni anno arricchiscono la rassegna, ripercorreremo i momenti più memorabili del festival, sullo sfondo delle location istituzionali e alternative che accolgono la kermesse. Four Tet, Jon Hopkins, Edwin Van der Heide, Robert Henke, Disclosure, Nico Vascellari, Apparat e Modeselektor sono solo alcuni degli straordinari performer andati in scena tra il MAXXI, il Macro, il Palazzo dei Congressi e in una serie di spazi non convenzionali subito eletti a luoghi di ritrovo dalle generazioni più giovani. Dopo le 15.000 presenze registrate nel corso dell’edizione 2015, il countdown in vista del prossimo Spring Attitude è già cominciato tra gli amanti della musica elettronica e delle sperimentazioni artistiche.