Roberto Capucci, l’anticonformista della moda

2 Ottobre 2020

Roberto Capucci

Racconta la storia di un couturier d’eccezione il documentario La moda proibita ‒ Roberto Capucci e il futuro dell’alta moda, in onda su Sky Arte domenica 4 ottobre.

Diretta da Ottavio Rosati, la pellicola descrive la straordinaria parabola creativa di Capucci prendendo spunto da una serie di interviste ed eventi come la mostra Alla ricerca della regalità alla Venaria Reale di Torino o Roberto Capucci e i giovani al Palazzo Moraldo di Milano, oltre al materiale di repertorio come il grande défilé del 1985 all’Armory di New York e l’indimenticabile esposizione al Teatro Farnese di Parma che raccoglieva gli abiti scultura di tutta una vita.

Testimonial come Anna Fendi, Sylvia Ferino, Eike Schmidt, Raina Kabaivanska, Pierluigi Luisi e Sidival Fila restituiranno l’immagine di uno stilista che ha detto no ad Anna Magnani e sì a Silvana Mangano, a Pier Paolo Pasolini e a Rita Levi Montalcini, imponendole, per la consegna del Nobel, un abito da gala con piccole ali e code.

Roberto Capucci ha esportato l’eccellenza italiana in tutto il mondo, nei musei di New York, Parigi, Berlino, Pechino, Madrid, Vienna, Mosca. Un couturier fuori dagli schemi che ha rifiutato il sistema commerciale della moda basata sulle riviste e sulle sfilate, convinto che “chi è nella moda è già fuori moda”.

Il documentario, oltre a modelli iconici come Oceano, realizzato con 200 metri di seta, 1500 pezzi di stoffa nei 30 colori dell’acqua cuciti da 5 sarte per 5 mesi, approfondisce le fonti di ispirazione di un vero e proprio genio della moda.