Rimbaud e Verlaine, tra passione e poesia

6 Febbraio 2017


Su Sky Arte HD prosegue la terza serie di Muse Inquietanti, condotta da Carlo Lucarelli e incentrata sui segreti dell’arte. Un viaggio tra le misteriose vicende di pittori, critici, modelle, scultori e – novità della stagione – anche di musicisti, scrittori, registi, attori.

Durante l’episodio in onda lunedì 6 febbraio, dal titolo Arthur Rimbaud – Il poeta della fuga, incontreremo due personalità che hanno fatto la storia della poesia. Il 10 luglio 1873 Arthur Rimbuad sta scappando verso la stazione di Bruxelles per prendere un treno che lo deve portare a Parigi, consentendogli la salvezza. È ferito a una spalla da un proiettile, esploso dal suo amico e amante Paul Verlaine. Lo stesso Verlaine che lo sta inseguendo, per convincerlo a non abbandonarlo.

Rimbaud aveva 17 anni quando conobbe Verlaine, ventisettenne e già sposato e con un figlio. Tra i due scoppiò una passione travolgente e, per l’epoca, di certo “maledetta” e trasgressiva. Attraverso continui avvicinamenti e allontanamenti, minacce da parte della moglie di Verlaine e della sua famiglia, la situazione divenne sempre più complessa sino a quel fatidico giorno del 1873, quando Verlaine fu arrestato e condannato a due anni di carcere.

La condanna avvenne anche in seguito alle dichiarazioni dello stesso Rimbaud: “Era di nuovo in stato di ubriachezza, mi mostrò una pistola che aveva comperato, e quando gli chiesi cosa intendeva fare, rispose scherzando: ‘È per te, per me, è per tutti’”.

Commentate sui social network la speciale serata attraverso l’hashtag #MuseInquietanti.