Il ritorno di Damien Hirst

5 giugno 2017


È un ritorno sulle scene atteso a lungo quello che accompagna la mostra Treasures from the Wreck of the Unbelievable, protagonista, insieme al suo autore, dello speciale Damien Hirst a Venezia, in onda mercoledì 7 giugno su Sky Arte HD.

Dopo dieci anni di silenzio, l’ex Young British Artist è sbarcato in Laguna, ospite, fino al prossimo dicembre, di Punta della Dogana e Palazzo Grassi, le due sedi espositive della Collezione François Pinault. Affascinante e densa di sfumature, la rassegna ideata dall’artista britannico riunisce i tesori di un leggendario relitto affondato duemila anni fa, il vascello Apistos (Unbelievable, in inglese), carico dei tesori raccolti da Cif Amotan II, un liberto originario di Antiochia, vissuto fra la metà del primo e l’inizio del secondo secolo dopo Cristo.

Inabissatasi per cause sconosciute, l’imbarcazione e il suo prezioso contenuto furono ritrovati nel 2008, sul fondo dell’Oceano Indiano al largo della costa orientale dell’Africa. Solo una lunga operazione di recupero ha potuto far tornare a galla manufatti levigati dal mare per interi secoli. Sono queste le premesse di una storia che mescola fiction e realtà e che necessita della fiducia e della partecipazione del pubblico per ottenere gli esiti sperati.