Il prezzo delle fake news

6 Novembre 2020


Affonda le radici nel tempo presente il documentario La post verità – Il prezzo delle fake news, in onda su Sky Arte domenica 8 novembre. Il film, diretto da Andrew Rossi, indaga la continua minaccia causata dal fenomeno delle notizie false negli Stati Uniti, concentrandosi sulle conseguenze che la disinformazione e le teorie cospirative hanno sul cittadino medio.

La preoccupazione per le fake news nel settore dell’informazione globale è diventata onnipresente dopo la vittoria del presidente Trump nel 2016, ma la pellicola mostra che i segni della crisi stavano emergendo ben prima delle elezioni.

In un’epoca in cui l’espressione “fake news” è utilizzata da Donald Trump e dai suoi imitatori per respingere le notizie legittime che ritengono dannose o non sufficientemente lusinghiere, il documentario rivendica la vera definizione del termine. La “disinformazione” è la diffusione intenzionale di falsità che crea dipendenza negli individui, alimentando la loro rabbia e, al tempo stesso, rassicurandoli.

Il documentario, che individua nella tecnologia la cassa di risonanza di un fenomeno dalle origini lontane, dà voce a una serie di testimonianze per esaminare il tema da diverse angolazioni, prendendo come esempio alcuni casi studio.

Dal panico legato alla convinzione che Jade Helm, un’esercitazione militare statunitense pianificata per il sud-ovest americano, fosse una copertura per radunare dissidenti politici e imprigionarli negli ex negozi Walmart alle folli teorie sull’assassinio di Seth Rich, membro dello staff del Democratic National Committee, la pellicola analizzerà dinamiche e ripercussioni delle fake news.